... la Terra è piatta? (cc)

ponete qui le vostre domande
(per i cavi c'è una sezione dedicata)
Messaggio
Autore
Avatar utente
Ligo
Messaggi: 471
Iscritto il: 26/11/2016, 8:12
Il mio Impianto: PC Fanless con Jriver 27, EQ parametrico, MSB PowerDac, Mutec MC3+ USB, Pre Bryston BP25, Finale PASS X150, Diffusori AUDES Blues MKII, Sub SVS SB1000, Cavetteria di buona qualità.
Località: Milano

Re: ... la Terra è piatta?

#21 Messaggio da Ligo »

Si può cambiare idea e di conseguenza atteggiamento e approccio nei confronti della HiFi e io ne sono un esempio.
A me è successo proprio perché ho potuto leggere interventi che mi parvero solidi nelle basi e attuabili nele verifiche, che ho poi condotto con soddisfazione per i risultati che mi hanno restituito.
Poi ho approfondito, i risultati sono migliorati e ho scoperto molti temi interessanti e stimolanti sui quali riflettere e fare esperienza.
Io credo che si debba insistere sempre e comunque, se tra 100 che leggono anche solo 5 rifletterssero e magari si mettessero in gioco per provare a cambiare approccio, sarebbe comunque un successo.
In questo universo ogni oggetto ordinale o è una banana o non è una banana.

Ciao. Fabio

Avatar utente
Haydn
Messaggi: 110
Iscritto il: 27/11/2016, 0:42

Re: ... la Terra è piatta?

#22 Messaggio da Haydn »

La domanda è mal posta, caro Mario...
Se chiedi a un tizio che non ha mai studiato e che vive in mezzo alla foresta, ovvio che ti risponderà ancora oggi che LA TERRA E' PIATTA. Ma il bello, e qui sta il punto, che il fatto che in realtà sia tonda per lui non cambia nulla, perchè in realtà ciò che a lui serve è sapere che è piatta, così da poter fare tutti i calcoli necessari per vivere nel SUO MONDO.

Ora, come paragonare questo fatto al nostro misero mondicino dell'hifi? A me vengono in mente dei.... "pensieri in libertà":

1) da una parte c'è chi spende 10.000 euro per i cavi e dall'altra chi con normale cavo da elettricista collega oggetti degli anni '70 ottenendo spesso risultati migliori

2) da una parte c'è chi sente differenze modificando sw di lettura, ram, penna usb, planar, alimentatore del pc.... per ascoltare un file, e dall'altra chi con una meccanica CD da 100euro ottieni risultati identici

3) da una parte c'è chi riempie la casa di punte, sottopunte, reggicavi, segna le x sul pavimento, e dall'altra chi appoggiando i pezzi una sopra all'altro e tutti sopra al mobile e ascoltando a zonzo per la sala, ottiene un suono più veritiero

E potrei continuare... tutte cose che ho sperimentato in oltre 30 anni, mi hanno fatto discutere animatamente con alcuni, e mi hanno fatto capire che questo mondo si divide in 2 macro-sezioni:

--> chi ci deve guadagnare e fa di tutto per far passare come buona qualsaisi cosa che è DI SUO INTERESSE
--> chi è davvero appassionato (sia esso produttore o fruitore) ed esprime opinioni in base al vissuto.

Io ho conosciuto, sia direttamente che indirettamente, ambedue le "specie", e dalla prima cerco di tenermene alla larga e di avvisare gli amici quando ne intravedo qualche componente in arrivo ....

NIMALONE65
Messaggi: 117
Iscritto il: 01/12/2016, 22:40

Re: ... la Terra è piatta?

#23 Messaggio da NIMALONE65 »

Zapuan ha scritto: Abbi pazienza, ma la mia opinione è che il rispetto si debba meritare. Non è corretto rispettare a prescindere anche chi scrive baggianate inventate o prese pari pari dall'audiofilia dogmatica da rivista.
Chi pretende di trovare la quadra acustica senza prendersi l'impegno di studiare i meccanismi che la regolano, l'unica cosa che può aspettarsi è derisione.
A maggior ragione, l'audiofilo che non desidera capire, se proprio vuole spendere i suoi soldi per proprio sfizio e divertimento senza appunto capirne niente, ha diritto di farlo ma non deve assolutamente sostenere pubblicamente altro che questo.
Farebbe solo disinformazione per altri come lui o neofiti.

Il rispetto dobbiamo darlo a tutti comunque , non lo deve meritare chi lo riceve , che tanto non lo capirà se non lo merita , ma va dato per quella intrinseca sensazione di piacere che proviamo quando sappiamo di fare la cosa giusta

Che poi se si fosse pure curiosi sarebbe meglio è fuor di dubbio ! .

Avatar utente
Haydn
Messaggi: 110
Iscritto il: 27/11/2016, 0:42

Re: ... la Terra è piatta?

#24 Messaggio da Haydn »

Scusa Enrico, ma tu rispetteresti uno che ti vuole fregare?
Non dico di disprezzarlo o peggio di odiarlo, che cristianamente non è corretto, ma rispettarlo proprio no!

Sai che so di alcuni che si fregano le mani dopo aver rifilato certe sole agli acquirenti faciloni?
Ah.. beata ingenuità ;)

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7184
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: ... la Terra è piatta?

#25 Messaggio da MarioBon »

Haydn ha scritto:La domanda è mal posta, caro Mario...
Se chiedi a un tizio che non ha mai studiato e che vive in mezzo alla foresta, ovvio che ti risponderà ancora oggi che LA TERRA E' PIATTA. Ma il bello, e qui sta il punto, che il fatto che in realtà sia tonda per lui non cambia nulla, perchè in realtà ciò che a lui serve è sapere che è piatta, così da poter fare tutti i calcoli necessari per vivere nel SUO MONDO.

Ora, come paragonare questo fatto al nostro misero mondicino dell'hifi? A me vengono in mente dei.... "pensieri in libertà":

1) da una parte c'è chi spende 10.000 euro per i cavi e dall'altra chi con normale cavo da elettricista collega oggetti degli anni '70 ottenendo spesso risultati migliori

2) da una parte c'è chi sente differenze modificando sw di lettura, ram, penna usb, planar, alimentatore del pc.... per ascoltare un file, e dall'altra chi con una meccanica CD da 100euro ottieni risultati identici

3) da una parte c'è chi riempie la casa di punte, sottopunte, reggicavi, segna le x sul pavimento, e dall'altra chi appoggiando i pezzi una sopra all'altro e tutti sopra al mobile e ascoltando a zonzo per la sala, ottiene un suono più veritiero

E potrei continuare... tutte cose che ho sperimentato in oltre 30 anni, mi hanno fatto discutere animatamente con alcuni, e mi hanno fatto capire che questo mondo si divide in 2 macro-sezioni:

--> chi ci deve guadagnare e fa di tutto per far passare come buona qualsasi cosa che è DI SUO INTERESSE
--> chi è davvero appassionato (sia esso produttore o fruitore) ed esprime opinioni in base al vissuto.

Io ho conosciuto, sia direttamente che indirettamente, ambedue le "specie", e dalla prima cerco di tenermene alla larga e di avvisare gli amici quando ne intravedo qualche componente in arrivo ....
Il mio interesse è che il mercato non muoia e non nel senso che nessuno compri più legnetti e cremine (che sono il male di questo mercato) ma che nessuno compri più HiFi.
Quello che si deve spiegare chiaramente è che la percezione non è misurabile ma non è nemmeno una misura. Quindi qualsiasi soluzione che migliora la qualità (percezione) soggettiva dell'ascolto va bene ma non deve essere divulgata come una verità universale.
Se mi dici che ti sei messo lo smalto rosso sulle unghie e adesso l'impianto funziona molto meglio io ti credo ma non chiedermi di fare altrettanto.
Quindi analizziamo tutto quello che c'è da analizzare e per distinguere quello che è oggettivo da quello che non lo è. Poi cerchiamo di mettere quello che è oggettivo davanti a quello che è soggettivo. Per farlo è necessario spiegare un minimo di acustica o di psicoacustica? facciamolo. Forse il metodo migliore è preparare dei test che ciascuno possa fare autonomamente e dal quali possa capire le reali capacità dell'apparato uditivo.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
Haydn
Messaggi: 110
Iscritto il: 27/11/2016, 0:42

Re: ... la Terra è piatta?

#26 Messaggio da Haydn »

Ok, allora ad un uomo di scienza, nonchè tecnico capace e competente quale sei tu, faccio una domanda forse "un po' scomoda" per chi opera nel settore:

- che differenza c'è, secondo te, tra un amplificatore integrato Sansui degli anni 80/90 (di quelli buoni), oppure tra un Pioneer in classe A da 30watt come l' A09, e un moderno amplificatore hi-end? E' davvero cambiato qualcosa negli ultimi 30 anni, o gli amplificatori fatti bene sono fatti bene e basta?

Per me l'unica differenza è che hai 2 anni di garanzia e che i componenti sono nuovi, quindi dovrebbero durare di più.

Ma la "magia" del fatto che sopra ci sia scritto un nome altisonante non dovrebbe cambiare la sostanza, o sbaglio?

Oh, sempre pronto ad essere smentito se qualcuno mi dice che sono un ignorante in ambito tecnico e che non so (ignoro) che negli ultimi 30 anni sono stati fatti passi in avanti notevoli e nuove scoperte nell'ambito delle amplificazioni .....

Avatar utente
Auditor
Messaggi: 269
Iscritto il: 26/11/2016, 4:00
Il mio Impianto: Al momento in configurazione provvisoria causa presenza bambina piccola piuttosto vivace...

Diffusori Audio Physic Spark
Finale Lyngdorf SDA2175
Preamplificatore Pioneer C-21
Lettore CD CEC TL-51x + DAC DX71mk2
Lettore SACD Marantz SA7001 (modificato)
Lettore di rete Logitech Squeezebox Touch -> Gustard U12 -> DAC Beresford Caiman SEG con alimentazioni lineari autocostruite

Cuffie: Stax SR-507, Stax SR-X/mk3, Sony MDR-1A, Sony MDR-F1, Koss PortaPro, AKG Y50
Amplificatori Cuffie: Stax SRM-1/mk2 pro, Stax SRM-353X

Cavi di segnale e potenza Blue Jeans Cable

In panchina: Naim Nait 5, Micromega A80, M2Tech HiFace 1 e HiFace 2, Wharfedale Diamond 9.0, preampli e finale valvolari autocostruiti, vari componenti Behringer
Località: Padova
Contatta:

Re: ... la Terra è piatta?

#27 Messaggio da Auditor »

Poi Mario risponderà ma intanto mi permetto di dire la mia. Amplificare un segnale audio con soddisfacente qualità era già alla portata della tecnologia 50 anni fa. Come erano già ottimi i trasformatori ed i motori elettrici.

La differenza è che oggi abbiamo processi produttivi che consentono migliori caratteristiche, ripetibilità e affidabilità nei componenti (valvole a parte), abbiamo poi più componenti disponibili, un esempio per tutti gli operazionali, e sono state sviluppate tecniche nuove, la classe D, gli alimentatori switching, che al di là delle opinioni sul suono, hanno innegabili vantaggi in termini di volumi e rendimento.

Si percepisce meglio il progresso tecnico avvenuto se si guarda come sono cambiate le attrezzature nel settore professionale. Nell'hi-fi ad un certo punto vi è stata un'involuzione l'eccellenza tecnica non è stata più il criterio prevalente di progetto.
Nicola

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7184
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: ... la Terra è piatta?

#28 Messaggio da MarioBon »

Haydn ha scritto:Ok, allora ad un uomo di scienza, nonchè tecnico capace e competente quale sei tu, faccio una domanda forse "un po' scomoda" per chi opera nel settore:

- che differenza c'è, secondo te, tra un amplificatore integrato Sansui degli anni 80/90 (di quelli buoni), oppure tra un Pioneer in classe A da 30watt come l' A09, e un moderno amplificatore hi-end? E' davvero cambiato qualcosa negli ultimi 30 anni, o gli amplificatori fatti bene sono fatti bene e basta?

Per me l'unica differenza è che hai 2 anni di garanzia e che i componenti sono nuovi, quindi dovrebbero durare di più.

Ma la "magia" del fatto che sopra ci sia scritto un nome altisonante non dovrebbe cambiare la sostanza, o sbaglio?

Oh, sempre pronto ad essere smentito se qualcuno mi dice che sono un ignorante in ambito tecnico e che non so (ignoro) che negli ultimi 30 anni sono stati fatti passi in avanti notevoli e nuove scoperte nell'ambito delle amplificazioni .....
Come costruire amplificatori ben funzionanti è cosa nota da tempo. Che poi un amplificatore anche buono venga usato per l'80% del tempo in clipping perché abbinato a diffusori con impedenza o sensibilità troppo bassa è un'altra storia (dove si può intervenire dando corrette informazioni).
Che ci siano persone affascinate dal marchio è una realtà. Ma se si tratta di oggetti tecnicamente validi con una livrea costosa ci può anche stare. Per me il problema sorge quando il costo è alto ed il contenuto tecnico scarso.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
sibry
Messaggi: 470
Iscritto il: 28/11/2016, 8:23
Il mio Impianto: Musical Fidelity Nu Vista M3
Yamaha CD-S3000
Labtek Hi End
Audiosonica "Stonefly"
Ruark Talisman ||
Sonus Faber Parva FM4
Solid Steel
filtro Black Noise Extreme
Van Den Hul: The First
Systems and Magic: Gold Wire
ViaBlue: SC4
Soundcare Superspikes
Località: provincia di VR

Re: ... la Terra è piatta?

#29 Messaggio da sibry »

MauroPrevitero ha scritto:Secondo la mia personale opinione da semplice "hobbista", bisognerebbe andarci molto cauti in questo specifico argomento...

Io stesso, per pura curiosità, complice anche il recente cambio di ambiente, sto provando in questi giorni a riesumare qualche mio vecchio cavo, da sostituire appunto per prova al mio full Nordost Purple Flare (USB, segnale e potenza).

Ebbene, ne è risultato che un "economico" (si fa per dire) Viablue SC-4 di potenza, peraltro autoassemblato, rischia di scalzare il blasonato e costoso Nordost... infatti ho già provveduto oggi stesso ad ordinare le terminazioni della stessa Casa per fare un lavoro dignitoso ed allo stesso tempo esteticamente appagante.

Riguardo l'USB invece il Nordost continua a spadroneggiare su un pur discreto e ben costruito Lindy Cromo.

La cosa che trovo strana, almeno stando agli "assiomi audiofili", è che sarebbe dovuto verificarsi l'esatto contrario, ossia una differenza in positivo a favore del Nordost di potenza, per costruzione, materiali, isolamento, geometria eccetera, piuttosto che sentire evidente differenza tra un cavo USB ed un altro, anche se di costo decisamente diverso.

In sostanza, una sorpresa non da poco...

E se non avessi provato...?

Insomma, difficile secondo me etichettare affermazioni o prodotti con parole come "fuffa" o "aria fritta"... si rischia, con tutte le buone intenzioni, di prendere un brutto granchio e di fare disinformazione...
ce l'ho uguale, quel Via Blue SC-4.
uscita biwiring, "entrata"monowiring", fatto assemblare direttamente da questa fabbrica Austriaca su mia richiesta.
devo dire che ne sono molto contento, da anni.
Qualche anno fa un amico mi portò, per prova, dei cavi Nordost che facevano davvero una magrissima figura in confronto.
Ma...
poi era venuto fuori che "probabilmente" (mah..?) quei cavi Nordost erano dei clone Cinesi.
Vai a capire, vai a sapere se era vero o no.
Quindi.... forse... sei SICURISSIMO che quei Nordost fossero originali?

Avatar utente
maui_76
Messaggi: 311
Iscritto il: 30/11/2016, 10:44
Il mio Impianto: Sezione CD
Rotel RCD-1572

Sezione Liquida
Pioneer BDP-X300
DAC Wolfson WM8740

Sezione Analogica
Pro-Ject Primary (upgrade con Pro-Ject Acryl-It E, Ortofon Stylus 10 e Pro-Ject Clamp-It)
Pro-Ject Power Box MaiA

Amplificazione
Rotel A12

Diffusori
Monitor Audio Bronze 2 (Stand Hama Next)

Subwoofer
Indiana Line Basso 830

Cavi e Accessori
Neo Oyaide D+ RCA Class A, AudioQuest Pearl HDMI, AudioQuest Cinnamon Coax, AudioQuest MacKenzie RCA, Hama TosLink, Tellurium Q Ultra Blue + Tellurium Q Black Jumpers
AudioQuest NRG-X2
WireWorld Stratus 7
Vimar 01294.N
Soundcare Superspikes
Località: Ronchi dei Legionari (GO)

Re: ... la Terra è piatta?

#30 Messaggio da maui_76 »

Certo, sicuro al 100%, acquistati nuovi in scatola da un noto rivenditore italiano, negozio venditore ufficiale del marchio.
- Mauro -
Pro-Ject / Pioneer / Rotel / Monitor Audio / Indiana Line / AudioQuest / Tellurium Q / WireWorld / Vimar / Soundcare

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti