Esiste il problema delle tre pareti? (cc)

ponete qui le vostre domande
(per i cavi c'è una sezione dedicata)
Messaggio
Autore
Avatar utente
TeoMarini
Messaggi: 830
Iscritto il: 25/01/2017, 17:16
Località: Roma

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#21 Messaggio da TeoMarini »

TomCapraro ha scritto:
Felix ha scritto: Ma c'è un motivo tecnico per il quale l'esaltazione è così tanto vituperata?
Beh più di uno.
Esaltare di soli 3dB richiede il raddoppio di potenza, ce la farà l'amplificazione?
Esaltare in prossimità di una cancellazione forza ampli e diffusore, si entra in loop acustico ovvero: si aumenta potenza su un segnale che a sua volta lo cancella.
Esaltare significa rischiare di eccitare maggiormente il campo riverberato circoscritto al buco.
Per esperienza, esaltando diminuisce la trasparenza.
Giusto, Tom!
Ma non sarebbe meglio usare dei filtri Notch (per es. con JRiver) che eliminino selettivamente le frequenze incriminate?
https://it.wikipedia.org/wiki/Filtro_elimina_banda
https://melius.club/topic/263809-jriver-eq-parametrico/
Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità.
Disonesto chi cambia la verità per accordarla al proprio pensiero.

Proverbio Arabo

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7184
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#22 Messaggio da MarioBon »

Un filtro notch opera in modo completamente diverso dal DRC.
Che poi porti dei benefici è innegabile ma il DRC lo fa meglio perché sopprime l'effetto delle riflessioni (cosa che il notch non fa).
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
Zapuan
Messaggi: 343
Iscritto il: 26/11/2016, 14:30

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#23 Messaggio da Zapuan »

MarioBon ha scritto:ma che area di bocca dovrebbe avere una tromba con DI=9dB a 80 Hz?
Sicuramente troppo grande per una sala media e/o non dedicata... ma non c'è bisogno che anche i bassi siano direttivi... diciamo che cominciamo a controllare la direttività dai 300 Hz a salire... I sub e il basso starebbero negli angoli a livello pavimento, così le pareti invece di un problema diventano parte della soluzione...
Hakuna matata a tutti

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7184
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#24 Messaggio da MarioBon »

Quindi sotto i 300 Hz si sfrutta la "tromba naturale" dell'ambiente e oltre tale limite si usano trombe con fattore di direttività pari a 8. Tutto il sistema può stare in angolo e interagire quasi nulla con le pareti (da 300 Hz in su).
Benissimo. Tra l'altro la scelta di 300 Hz come limite superiore relega il problema dei modi normali della stanza al solo woofer (così basta collegare il DRC solo la woofer). Un sistema con fattore di direttività costante con la frequenza può dare dei vantaggi non di poco conto.

Se vale le relazione kr=2.65 risulta:
r=2.65/k =145/freq
per ottenere Q=8 da 300 Hz in su serve una tromba a sezione circolare con diametro di circa un metro che è fattibile. Se tutte le vie hanno Q=8 si ottiene un sistema con la risposta in potenza che ha lo stesso andamento della risposta in frequenza (pesato dal fonoassorbimento dell'ambiente). Anche la distanza critica sarebbe costante con la frequenza (che è un bene).
L'unico neo sarebbe la necessità di spostare il punto di ascolto oltre i 4 metri dai diffusori (probabilmente verso 6 metri).
Se l'ambiente è abbastanza grande da lasciare un po' di spazio dietro alla testa dell'ascoltatore è una soluzione molto buona (l'ambiente però va curato).
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
Flavio
Messaggi: 503
Iscritto il: 14/12/2016, 18:07
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#25 Messaggio da Flavio »

MarioBon ha scritto:.
Dirac Live lavora sia in attenuazione che in amplificazione quindi bisogna tener conto del riferimento che è la target che Dirac colloca fra picchi e buchi,
se si vuole si può anche costringere Dirac a lavorare in sola attenuazione traslando la curva target ma non credo che sia a priori la soluzione migliore.
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7184
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#26 Messaggio da MarioBon »

Sono più che sicuro che Dirac faccia la sua parte in modo ottimale tuttavia un po' di cautela non guasta. Del resto mi sembra che nessuno abbia detto di non usare i DRC ma solo di usarli, se possibile, in un certo modo.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
Flavio
Messaggi: 503
Iscritto il: 14/12/2016, 18:07
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#27 Messaggio da Flavio »

Certamente!
nel nostro caso un compromesso fra attenuazione e amplificazione... un po' e un po' :)
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 7125
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#28 Messaggio da TomCapraro »

Beh...in attenuazione se c'è un picco di +15dB non penso che applichi "un po" di attenuazione :)
saluti, Tom

Avatar utente
Flavio
Messaggi: 503
Iscritto il: 14/12/2016, 18:07
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#29 Messaggio da Flavio »

Eh eh, si vede che non hai esperienza con questa unità di misura...
"1 po" è una unità di misura molto più (diciamo così) flessibile ad esempio di "1 cm"
:D :D
MarioBon ha scritto:in fisica si dice QB (Quanto Basta) e si usa spesso... per esempio "pi-greco elevato alla QB"...
Flavio ha scritto:Non è la stessa unità di misura utilizzata nelle ricette di cucina? i.e. sale Quanto Basta :D
MarioBon ha scritto:Si: pi-greco è come il sale ma con molte cifre dopo la virgola. :D
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Marc1
Messaggi: 65
Iscritto il: 09/04/2017, 9:50
Il mio Impianto: Diffusori cornerhorn autocostruiti
Biamp passiva Klimo Sansui
Pre Klimo
Gira Technics SP10
Files Macmini + Behringer DEQ + Arcam rDac
CD Tascam

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#30 Messaggio da Marc1 »

Il motivo per il quale non conviene lavorare in esaltazione non dipende anche dal fatto che la depressione nella risposta, più o meno stretta, può essere generata da cancellazione dovuta a riflessioni ecc?
In quel caso, se io continuo ad iniettare potenza, aumento anche la potenza generata dalle riflessioni e la depressione non si riempie...
Scusate la terminologia poco adeguata, spero si sia capito cosa intendo...
Ogni opinione espressa è mia personale e non rispecchia necessariamente quella delle aziende con le quali collaboro (Coral e Indiana Line). Tradotto: IMHO

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti