Esiste il problema delle tre pareti? (cc)

ponete qui le vostre domande
(per i cavi c'è una sezione dedicata)
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 7125
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#31 Messaggio da TomCapraro »

Si, è cosi. (vabbè...aggiungo per me)
Lo avevo menzionato in qualche post precedente. ;)
In modo professionale si dovrebbe esaltare -soltanto- previa e attenta verifica che comprende:

1) la potenza di riserva dell'amplificazione + la tenuta in potenza del diffusore nel range di spettro in cui si dovrebbe esaltare.

2) l'assenza di un campo riverberato -dentro- la depressione stessa (o cancellazione)

3) l'assenza di un loop di fase, ovvero: cancellazione generata da una riflessione.

Se non si osservano attentamente queste regole, anche l'esaltazione di un paio di dB potrebbe risultare deleterio. (meno vantaggi e piu difetti)

Per come vengono posizionati i diffusori (lontani dagli angoli, pareti) e per il -tipo- di diffusore che generalmente si trova in giro, l'esaltazione comporta un buon 80% di rischio.
saluti, Tom

Marc1
Messaggi: 65
Iscritto il: 09/04/2017, 9:50
Il mio Impianto: Diffusori cornerhorn autocostruiti
Biamp passiva Klimo Sansui
Pre Klimo
Gira Technics SP10
Files Macmini + Behringer DEQ + Arcam rDac
CD Tascam

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#32 Messaggio da Marc1 »

MarioBon ha scritto:Quindi sotto i 300 Hz si sfrutta la "tromba naturale" dell'ambiente e oltre tale limite si usano trombe con fattore di direttività pari a 8. Tutto il sistema può stare in angolo e interagire quasi nulla con le pareti (da 300 Hz in su).
È il caso del basso della Klipschorn, almeno fino a 300 Hz? Se si taglia a 600 quel basso cosa succede?
MarioBon ha scritto: L'unico neo sarebbe la necessità di spostare il punto di ascolto oltre i 4 metri dai diffusori (probabilmente verso 6 metri)....... (l'ambiente però va curato).
Perché questo? Ricordo ad un Top Audio anni fa una coppia di Khorn in una stanza di quelle piccole, col punto d'ascolto molto ravvicinato...
L'ambiente va curato in che direzione? Simmetria delle pareti, assorbimento diffuso...?
Ogni opinione espressa è mia personale e non rispecchia necessariamente quella delle aziende con le quali collaboro (Coral e Indiana Line). Tradotto: IMHO

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7184
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#33 Messaggio da MarioBon »

Ho cancellato buona parte dei miei post precedenti perché mi sono accorto che stavo ragionando come se il DRC fosse un equalizzatore parametrico (che non è).
Mi scuso per questa distrazione. Cercherò di essere più vigile (magari berrò più caffè la mattina...).

Rispondo a Marc1:
Il Klipshorn è la dimostrazione che la psicoacustica esiste: già Beranek nel 1957 consigliava di tenere il primo taglio non superiore ai 500 Hz "per motivi psicoacustici". Nel Klipshorn il primo taglio è sotto i 500 Hz. http://www.mariobon.com/Storia/pdf/1946 ... schorn.pdf
e, in ambiente, c'è una prevalenza marcata di medio bassi. Se il taglio fosse a 600 hz credo che si sentirebbe l'effetto della voce che deve percorrere tutta la tromba e arriverebbe "un po' sporca". La Klipshorn suona bene anche "vicino" ai diffusori... che posso dire...evidentemente anche in quelle condizioni si era ottenuto un buon bilanciamento tra suono diretto e suono riflesso.

Un diffusore a direttività costante (su tutta la banda) genera un campo riflesso il cui andamento riproduce l'andamento della risposta in frequenza in asse. Se la risposta è piatta la risposta in potenza è la stessa a tutte le frequenze. Supponiamo che si vogliano evitare le prime riflessioni. Si può, per esempio, posizionare un diffusore con Q maggiore o uguale a 8 in angolo. In questo caso il suono diretto trova, come prima parete riflettente, l'angolo e la parete alle spalle del punto di ascolto. Se il materiale assorbente è concentrato là il campo riverberato crolla e la distanza critica aumenta producendo un suono più aggressivo. Ne segue i materiali fonoassorbenti devono essere posizionati con attenzione privilegiando le pareti dietro ai diffusori. Questo se si ritiene che il rapporto tra suono diretto e suono riflesso abbia importanza.
Con i diffusori a radiazione diretta che hanno una dispersione maggiore (un fattore di direttività più basso) conviene concentrare l'assorbimento alle spalle del punto di ascolto.
Il coinvolgimento delle pareti laterali e l'effetto delle prime riflessioni laterali è da sempre materia di discussione.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Alessandro Cioni
Messaggi: 518
Iscritto il: 26/01/2017, 10:28
Il mio Impianto: Sistema DIY per la musica sinfonica con... (ho perso il conto...) trasduttori suddivisi in 11 vie
Località: Valmontone (RM)

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#34 Messaggio da Alessandro Cioni »

Marc1 ha scritto: È il caso del basso della Klipschorn, almeno fino a 300 Hz? Se si taglia a 600 quel basso cosa succede?
che si crea un bel buco, perché sopra i 380-400 è muto.
L’ho sentito a casa di un amico in una sala molto grande e ad orecchio mi è parso di capire che da 50 a circa 150 suona, e lo fa anche bene, da 150 a 380 invece riempie lo spettro, sopra il nulla.
Il compito non è tanto di vedere ciò che nessun altro ha ancora visto; ma pensare ciò che nessun altro ha ancora pensato riguardo a quello che chiunque vede. (E. Schrodinger)

Marc1
Messaggi: 65
Iscritto il: 09/04/2017, 9:50
Il mio Impianto: Diffusori cornerhorn autocostruiti
Biamp passiva Klimo Sansui
Pre Klimo
Gira Technics SP10
Files Macmini + Behringer DEQ + Arcam rDac
CD Tascam

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#35 Messaggio da Marc1 »

Esiste una nota tecnica di Klipsch, dal 1961, che spiega che anche un solo pollice di scostamento del mobile dei bassi dalle pareti alle quali è appoggiato provoca un buco di 7dB che va a inficiare la resa nell'ottava 250-500. Forse il tuo amico aveva il mobile non perfettamente incollato all'angolo. Dagli anni 80 le Khorn hanno un bordo in gomma per evitare questo problema.
http://assets.klipsch.com/files/Dope_611110_v2n12.pdf
Ogni opinione espressa è mia personale e non rispecchia necessariamente quella delle aziende con le quali collaboro (Coral e Indiana Line). Tradotto: IMHO

Alessandro Cioni
Messaggi: 518
Iscritto il: 26/01/2017, 10:28
Il mio Impianto: Sistema DIY per la musica sinfonica con... (ho perso il conto...) trasduttori suddivisi in 11 vie
Località: Valmontone (RM)

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#36 Messaggio da Alessandro Cioni »

In effetti non ha il bordo in gomma.
Il compito non è tanto di vedere ciò che nessun altro ha ancora visto; ma pensare ciò che nessun altro ha ancora pensato riguardo a quello che chiunque vede. (E. Schrodinger)

Avatar utente
Zapuan
Messaggi: 343
Iscritto il: 26/11/2016, 14:30

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#37 Messaggio da Zapuan »

Purtroppo ne ho viste staccate dal muro causa battiscopa, che non si può rimuovere, troppo complicato... però ho le Klipschorn, che sono un mito e senti come suonano con questi cavi... (successo veramente a casa di un amico).
TomCapraro ha scritto: :D
Hakuna matata a tutti

Avatar utente
Flavio
Messaggi: 503
Iscritto il: 14/12/2016, 18:07
Contatta:

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#38 Messaggio da Flavio »

TomCapraro ha scritto:Si, è cosi. (vabbè...aggiungo per me)
Lo avevo menzionato in qualche post precedente. ;)
In modo professionale si dovrebbe esaltare -soltanto- previa e attenta verifica che comprende:

1) la potenza di riserva dell'amplificazione + la tenuta in potenza del diffusore nel range di spettro in cui si dovrebbe esaltare.

2) l'assenza di un campo riverberato -dentro- la depressione stessa (o cancellazione)

3) l'assenza di un loop di fase, ovvero: cancellazione generata da una riflessione.

Se non si osservano attentamente queste regole, anche l'esaltazione di un paio di dB potrebbe risultare deleterio. (meno vantaggi e piu difetti)

Per come vengono posizionati i diffusori (lontani dagli angoli, pareti) e per il -tipo- di diffusore che generalmente si trova in giro, l'esaltazione comporta un buon 80% di rischio.
Ciao Tom e Mario,

mi sembra che (almeno nel caso di Dirac Live) utilizzare esclusivamente l'attenuazione, anche se possibile, porti a vantaggi illusori.
Il mio ragionamento è che se si desidera che il woofer raggiunga un determinato livello SPL nel caso io decida di far lavorare l'equalizzazione solo in attenuazione sarò poi costretto ad aumentare maggiormente il volume generale.
Conseguentemente sia nel caso di attenuazione+amplificazione che nel caso di sola attenuazione al woofer sarà richiesta la stessa escursione così come all'amplificatore la stessa potenza... in altre parole l'eventuale distorsione è la stessa.
Per quanto riguarda poi gli altri aspetti qui entrano in gioco (sempre nel caso di Dirac Live) le misurazioni multiple.
Se Dirac Live viene utilizzato correttamente non ci sono problemi di over fitting e le risonanze di banda stretta non sono un problema in quanto il boost viene applicato dove e nella misura in cui questo è possibile.
In particolare il fenomeno di come le riflessioni si sommano alla radiazione diretta viene identificato perchè una riflessione si somma differentemente alla radiazione diretta in ciascun punto, questo è uno dei motivi per i quali l'algoritmo Dirac necessita di nove misurazioni.

Flavio
Ultima modifica di Flavio il 16/02/2018, 10:52, modificato 2 volte in totale.
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 7125
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#39 Messaggio da TomCapraro »

Ciao Flavio, appena rientro chiarisco meglio il concetto.
saluti, Tom

Marc1
Messaggi: 65
Iscritto il: 09/04/2017, 9:50
Il mio Impianto: Diffusori cornerhorn autocostruiti
Biamp passiva Klimo Sansui
Pre Klimo
Gira Technics SP10
Files Macmini + Behringer DEQ + Arcam rDac
CD Tascam

Re: Esiste il problema delle tre pareti?

#40 Messaggio da Marc1 »

MarioBon ha scritto: Supponiamo che si vogliano evitare le prime riflessioni. Si può, per esempio, posizionare un diffusore con Q maggiore o uguale a 8 in angolo.
Cosa vuol dire Q maggiore o uguale a 8?
MarioBon ha scritto: In questo caso il suono diretto trova, come prima parete riflettente, l'angolo e la parete alle spalle del punto di ascolto. Se il materiale assorbente è concentrato là il campo riverberato crolla e la distanza critica aumenta producendo un suono più aggressivo.
E' per questo motivo che nel caso delle trombe si tende a produrre in ambiente una risposta in asse calante anche parecchio più del classico dB/oct sopra i 1.000 Hz, e a creare una depressione nell'area tra i 2.000 e 4.000 Hz? Così facendo ho notato che con le trombe si riesce ad ascoltare da distanze inferiori.
MarioBon ha scritto: Ne segue i materiali fonoassorbenti devono essere posizionati con attenzione privilegiando le pareti dietro ai diffusori. Questo se si ritiene che il rapporto tra suono diretto e suono riflesso abbia importanza.
Con i diffusori a radiazione diretta che hanno una dispersione maggiore (un fattore di direttività più basso) conviene concentrare l'assorbimento alle spalle del punto di ascolto.
Il coinvolgimento delle pareti laterali e l'effetto delle prime riflessioni laterali è da sempre materia di discussione.
Se consideriamo un diffusore normale, non ottimizzato per l'ascolto in ambiente, tipo le B&W 801 prima serie che erano una retta in camera anecoica (o almeno me le ricordo così...), renderebbero al massimo se ascoltate appunto in camera anecoica? E' quello a cui si dovrebbe tendere? In fondo l'ambienza dovrebbe stare già nella registrazione, noi ne aggiungiamo un'altra diversa ambiente per ambiente.
Ogni opinione espressa è mia personale e non rispecchia necessariamente quella delle aziende con le quali collaboro (Coral e Indiana Line). Tradotto: IMHO

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite