Cavi alimentazione, a cosa servono.

Cavi di Alimentazione, Segnale e Potenza
Messaggio
Autore
Avatar utente
fab0
Messaggi: 309
Iscritto il: 28/01/2017, 9:06

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#11 Messaggio da fab0 » 15/10/2017, 9:57

Sottoscrivo in toto.

Del rosmetro, mi interessava far notare che basa il proprio funzionamento sull'avvicinare due conduttori e sfrutta l'induzione per fare quello che fa. Quindi il principio è vero, chiaro, noto.

Mi permetto una considerazione a lato, del tutto personale. Se diciamo che schermare è meglio a priori, non diciamo una cosa sbagliata, ma sicuramente fuorivante e/o strumentalizzatile. E' proprio così che nascono le leggende, le esoticizzazioni.

Cioè se siamo costretti a far correre due cavi paralleli e vogliamo evitare la mutua induzione, allora facciamo bene a schermare tutto lo schermabile. E' una situazione che può accadere e che capita di dover fronteggiare. Resta il fatto che cavi bilanciati sarebbero una soluzione infinitamente migliore.

Certo che se volutamente ci mettiamo in questa situazione allora o siamo un po' masochisti o stiamo cercando di forzare qualcosa per sostenere una tesi in modo forzoso. Oppure ancora stiamo facendo un esperimento, e mi sta bene.

Come si è detto, alcune volte la soluzione è un corretto layout dei cavi, scelta del tipo di connessione (e anche dell'interno delle apparecchiature). Spesso questi banali (?) accorgimenti rendono del tutto superfluo/ininfuente la schermatura delle alimentazioni.

Specificando nuovamente che si tratta di una sfumatura, alla luce di quanto sopra, non è vero che è sempre meglio schermare. In alcuni casi è meglio, in altri è ininfluente.

Prima di valutare la schermatura di una alimentazione però mi sembra più ragionevole, in ordine: ordinare i cablaggi, scegliere un tipo di connessione adatto, schermare il segnale, solo alla fine schermare l'alimentazione!

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6545
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#12 Messaggio da TomCapraro » 15/10/2017, 10:52

Visto che nel 60% degli impianti hifi si nota un groviglio di cavi "pomicianti" la prova/raccomandazione potrebbe trovare efficacia.
Nei setup in cui tutto viene tenuto ordinato, in contesti poco inquinati, anche un banale cavo per pc potrebbe svolgere il lavoro che fa un costosissimo cableless.
L'ho avevo fatto intendere...
saluti, Tom

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6194
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#13 Messaggio da MarioBon » 15/10/2017, 11:51

@fab0 :
considerato che
- tutti i cavi confluscono nel ristretto spazio dietro all'amplificatore
- quello che si vede di solito è un groviglio informe di cavi
- non tutti sono esperti di "cose elettriche"
- si spendono cifre per cavi schermati al 60% aspettandosi che facciamo miracoli
- più di qualcuno è convinto che un cavo sia un equalizzatore

ho sempre consigliato di:
- tenere i cavi in ordine
- usare cavi corti
- usare cavo schermato al 100% per il segnale
- usare AWG 10 o 12 a bassa capacità e con guaina in PP o PE per i cavi di potenza.

Mi sembra che, per chi non è pratico di "cose elettriche" possano essere indicazioni generiche ma adeguate ed applicabili senza controindicazioni nel 99.9% delle situazioni (lo 0.1% che manca riguarda certi diffusori tipo le Klipsh).
E' chiaro che, chi conosce il mestiere, sa come cavarsela senza bisogno di consigli.

In questa occasione Tom ha mostrato che un normale cavo di alimentazione per PC, se adeguatamente allontanato dai cavi di segnale, funziona come cavi più costosi.
Tutto ciò rientra in questa specie di filosofia secondo cui l'appassionato dovrebbe poter spendere i propri soldi consapevolmente.

Chi vuole acquistare un cavo con la guaina leopardata perché gli piace così può farlo, basta che sappia che sta pagando la guaina leopardata e non il cavo.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
MAXXI
Messaggi: 389
Iscritto il: 06/12/2016, 18:31
Il mio Impianto: Audio HIFI : Nad M5 , Pioneer PD-D9 MKII , Cocktail Audio X12 , UNICO SE , OPERA Quinta 2006 special edition , cavi segnale : Purist Audio Maximus , VDH The Valley , VDH the Source , cavi potenza VDH 122D + VDH 352 D, cavi di alimentazione e distributore autocostruiti. Cuffie : Shure SRH 940 , Sony MDR-CD780 amplicuffia Pro-ject Headbox SE

Audio-Video 2canali : Sharp Quattron 40" , Oppo 105 EU , Nad 325 , B&W LM1 , segnale VDH 102MKIII , potenza Thender , PS3 slim, PS4 slim , cuffia Beyerdynamic DTX910
Località: ROMA

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#14 Messaggio da MAXXI » 15/10/2017, 13:40

MarioBon ha scritto:@fab0 :
considerato che
- tutti i cavi confluscono nel ristretto spazio dietro all'amplificatore
- quello che si vede di solito è un groviglio informe di cavi
- non tutti sono esperti di "cose elettriche"
- si spendono cifre per cavi schermati al 60% aspettandosi che facciamo miracoli
- più di qualcuno è convinto che un cavo sia un equalizzatore

ho sempre consigliato di:
- tenere i cavi in ordine
- usare cavi corti
- usare cavo schermato al 100% per il segnale
- usare AWG 10 o 12 a bassa capacità e con guaina in PP o PE per i cavi di potenza.

Mi sembra che, per chi non è pratico di "cose elettriche" possano essere indicazioni generiche ma adeguate ed applicabili senza controindicazioni nel 99.9% delle situazioni (lo 0.1% che manca riguarda certi diffusori tipo le Klipsh).
E' chiaro che, chi conosce il mestiere, sa come cavarsela senza bisogno di consigli.

In questa occasione Tom ha mostrato che un normale cavo di alimentazione per PC, se adeguatamente allontanato dai cavi di segnale, funziona come cavi più costosi.
Tutto ciò rientra in questa specie di filosofia secondo cui l'appassionato dovrebbe poter spendere i propri soldi consapevolmente.

Chi vuole acquistare un cavo con la guaina leopardata perché gli piace così può farlo, basta che sappia che sta pagando la guaina leopardata e non il cavo.
Quoto al 100% quello che ha scritto l'amico Mario. Da sempre sono stato sbeffeggiato sull'altro forum per la mia indifferenza al cambio dei cavi di alimentazione : dall'innocuo cavoscettico , a sordo , a..... insomma ci siamo spiegati.

Bene , per mia liberissima scelta mi sono autocostruiti tutti i cavi di alimentazione per le mie elettroniche usando sia l'industriale schermato Baldassari 3x2,5 ( ampli ) e 3x1,5 ( lettori SACD e dac ) con spine IEC Mennekes e Schuco Bals sia il Supra Lora 3x2,5 per il distributore di tensione , anch'esso autocostruito con elementi professionali della Bticino , e con un appagamento totale sia per l'operato personale fatto con tutta l'attenzione immaginabile che per la mancanza di qualsiasi problema a posteriori. Ovviamente il tutto per mia soddisfazione personale e cognizione di causa.

Di contro ho avuto per ben due volte , in occasione di manifestazioni pubbliche , la riprova che anche in impianti di altissimo livello e costo , sono stati utilizzati senza nessun inconveniente i cavi di alimentazione DI SERIE forniti con le apparecchiature dal costruttore. All'apparenza i "famigerati" :D cavi per computer ma ritengo che in questo caso siano nelle parti non visibili assemblati con rame e connettori di ben altra qualità

Il primo caso un paio di anni fa in una dimostrazione all'Auditorium di Roma di un impianto total Gryphon da sogno , in primis per i prezzi , e l'ultimo proprio ieri pomeriggio sempre all' Auditorium in una spettacolare dimostrazione di Audiogamma con le B&W 800 D3 amplificate da pre e finali mono Esoteric Grandioso ( 300 watt su 8 ohm ) e dal lettore/DAC serie P-02X . Mentre i cavi di segnale e di potenza erano tutti Audioquest della massima qualità e consoni a quanto dovevano collegare ( su tali cavi concordo che hanno influenza sui risultati ) , i cavi di alimentazione erano quelli forniti dentro le scatole dei componenti. Il risultato finale era semplicemente STREPITOSO sia con i dischetti che con i files liquidi somministrati al dac del lettore. Anche ad altissimo volume su brani particolarmente ricchi di dinamica , percussioni e di alte frequenze , il sistema non ha fatto la minima piega dimostrando che questi veramente favolosi diffusori accettano centinaia di watt con la massima disinvoltura e forniti dagli ampli alimentati dai "cavetti" :D di cui sopra. Da tener presente che l'auditorium 1 è molto ampio e capace ad occhio di 100-120 poltroncine a sedere tutte occupate.

Siccome mi piace stuzzicare gli addetti , mi sono poi avvicinato al dimostratore complimentandomi con lui per non credere ai cavi "favolosi" di alimentazione. Al che , mi ha strizzato l'occhio dicendomi " mah, qualcuno crede di sentire variazioni timbriche cambiando tali cavi ma è tutta una presa in giro......"

Ho anche fatto delle foto del retro degli ampli a imperitura memoria........

Ciao a tutti e superato un massimo di 100/150 euro per un cavo di alimentazione da 1,5 mt è solo una truffa legalizzata....... tenetelo bene a mente.

Massimo

Avatar utente
il Carletto
Messaggi: 347
Iscritto il: 05/12/2016, 14:43
Il mio Impianto: Sorgente:Roon + HQPlayer, Mac Mini 2014, Allo Usbridge
Dac/Pre: Rme Adi-2 Dac
Finali: Mc2 S1400 + Nord Acoustics One SE NC500 Monoblock
Diffusori: PMC IB1S, Wilson Sophia II, M-Audio DSM1 nearfield active monitor
Trattamento acustico Passivo: Rpg Diffractal, Vicoustic, Oudimmo, Masacoustics
Trattamento acustico attivo: DRC
Località: Firenze

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#15 Messaggio da il Carletto » 15/10/2017, 20:50

Vale lo stesso discorso dei cerotti.
Ognuno sente quello che vuole sentire
Carlo da Firenze

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6194
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#16 Messaggio da MarioBon » 16/10/2017, 9:07

il Carletto ha scritto:...
Ognuno sente quello che vuole sentire.
L'apparato uditivo è stato "messo a punto" quando l'uomo ancora non parlava e lo usava per soddisfare i bisogni primari e come sistema di allarme. Cox ipotizza che l'udito si sia inizialmente specializzato per la ricerca dell'acqua.
La riproduzione della musica e la stereofonia sono disponibili da pochissimo tempo e il suono riprodotto non è un suono che esiste in natura.
In effetti il canale centrale virtuale, che si forma tra il canale destro e sinistro dello stereo, è una illusione acustica. Non è escluso che, tra 100 generazioni, il nostro apparato uditivo non evolva ed impari a distinguere le sorgenti virtuali dalle sorgenti reali togliendoci il gusto dell'ascolto stereofonico.
Stando così le cose è assolutamente normale che l'apparato uditivo risolva delle esperienze uditive "innaturali" con gli strumenti che ha "inventandosi" delle cose. Per fortuna l'udito può essere esercitato ed addestrato. In sostanza si impara anche ad ascoltare.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6545
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#17 Messaggio da TomCapraro » 16/10/2017, 9:50

MarioBon ha scritto:L'apparato uditivo è stato "messo a punto" quando l'uomo ancora non parlava e lo usava per soddisfare i bisogni primari e come sistema di allarme. Cox ipotizza che l'udito si sia inizialmente specializzato per la ricerca dell'acqua.
La riproduzione della musica e la stereofonia sono disponibili da pochissimo tempo e il suono riprodotto non è un suono che esiste in natura.
In effetti il canale centrale virtuale, che si forma tra il canale destro e sinistro dello stereo, è una illusione acustica. Non è escluso che, tra 100 generazioni, il nostro apparato uditivo non evolva ed impari a distinguere le sorgenti virtuali dalle sorgenti reali togliendoci il gusto dell'ascolto stereofonico.
Stando così le cose è assolutamente normale che l'apparato uditivo risolva delle esperienze uditive "innaturali" con gli strumenti che ha "inventandosi" delle cose. Per fortuna l'udito può essere esercitato ed addestrato. In sostanza si impara anche ad ascoltare.
E come diceva Giussani, si può imparare a non sentire differenze quando queste non ci sono.
saluti, Tom

Avatar utente
sibry
Messaggi: 470
Iscritto il: 28/11/2016, 7:23
Il mio Impianto: Musical Fidelity Nu Vista M3
Yamaha CD-S3000
Labtek Hi End
Audiosonica "Stonefly"
Ruark Talisman ||
Sonus Faber Parva FM4
Solid Steel
filtro Black Noise Extreme
Van Den Hul: The First
Systems and Magic: Gold Wire
ViaBlue: SC4
Soundcare Superspikes
Località: provincia di VR

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#18 Messaggio da sibry » 16/10/2017, 11:40

TomCapraro ha scritto:Visto che nel 60% degli impianti hifi si nota un groviglio di cavi "pomicianti" la prova/raccomandazione potrebbe trovare efficacia.
Nei setup in cui tutto viene tenuto ordinato, in contesti poco inquinati, anche un banale cavo per pc potrebbe svolgere il lavoro che fa un costosissimo cableless.
L'ho avevo fatto intendere...
quindi "cavi alimentazione lunghi" potrebbe ben aver senso.? .? .?
Alcuni cavi sono molto schermati, ma anche lunghi, perchè "farebbero da filtro"...
però, se è vero che i powercord devono stare distante dai cavi segnale... magari serve "adottare" strade diverse, e quindi un cavo più lungo è utile sì!
presumo sia preferibile avere cavi segnale corti e cavi alimentazione più lunghi, piuttosto dell' incontrario.

Giusto?

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6194
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#19 Messaggio da MarioBon » 16/10/2017, 12:36

Non c'è dubbio che un cavo lungo qualche decina di chilometri agisca come un filtro passa-basso. Tra un cavo lungo un metro e uno lungo 2 metri mi sento di escludere un "effetto filtro" significativo in banda audio.
Per quanto riguarda il resto: se un cavo di alimentazione più lungo consente di stare lontani dai cavi di segnale, ben venga.
Cavi di segnale più corti significa anche meno superficie per "acchiappare" le interferenze quindi ben venga pure quello.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6545
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Cavi alimentazione, a cosa servono.

#20 Messaggio da TomCapraro » 16/10/2017, 16:03

sibry ha scritto:
quindi "cavi alimentazione lunghi" potrebbe ben aver senso.? .? .?
Alcuni cavi sono molto schermati, ma anche lunghi, perché "farebbero da filtro"...
però, se è vero che i powercord devono stare distante dai cavi segnale... magari serve "adottare" strade diverse, e quindi un cavo più lungo è utile sì!
presumo sia preferibile avere cavi segnale corti e cavi alimentazione più lunghi, piuttosto dell' incontrario.

Giusto?
I cavi di alimentazione dovrebbero, come gli altri, essere più corti possibile, tuttavia come detto se per allontanarsi da quelli segnale serve qualche metro in più il beneficio risulterà maggiore del danno.
Per distanze così brevi l'effetto filtro è da escludere, anche perché nella corrente di casa i disturbi sono concentrati tra 50 hz e 2000hz, almeno quelli con ampiezza ritenibile incidente.
Salendo in frequenza si trovano sporadici picchi, ma con ampiezza risibile.
Mi riferisco a quel tipo di abitazione normale.
Ci sono abitazioni in cui la carica del disturbo EMI/RF è molto maggiore, tant'è che si riesce a sentire qualche stazione radio dai diffusori.
Casi rari ed eccezionali, ma realmente accaduto.
Quando dal diffusore si sente una stazione radio, io non starei troppo tranquillo a casa, significa un eccessivo (parecchio) inquinamento di radiofrequenza.
saluti, Tom

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti