Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

L'udito, cosa udiamo, come udiamo
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#1 Messaggio da TomCapraro » 10/10/2018, 17:11

1) Non iniziate mai con il volume troppo alto. (non fareste altro che "irrigidire" il sistema uditivo e quindi perdere sensibilità)

2) iniziate con un volume moderato, dopo qualche minuto percepirete un suono "piu forte".
E' il sistema percettivo che, grazie alla "scioltezza/rilassamento" del muscolo stapedio, incrementa la dinamica percepita.

3) se questi fenomeni non venissero riscontrati, probabilmente, (e non lo auguro a nessuno) c'è qualche problema nel sistema uditivo.

Tutti i passaggi musicali (i pianissimi, la sensazione di ambienza e i segnali in generale a basso livello) verranno ben percepiti (e uditi) soltanto quando il sistema uditivo non verrà costretto alle "difensive".

Per poter sfruttare al meglio quanto di cui sopra, serve un locale d'ascolto molto silenzioso...non più di 30dBA e, meglio ancora, se fossero 20dBA.

Il concetto espresso è del tipo:

Se si parte con un volume moderato "automaticamente" dopo qualche minuto verrà percepito "piu forte".

Se invece si parte (o si usa in generale) con un volume alto, dopo qualche minuto verrà richiesto un incremento "esponenziale" e continuo dello stesso.

Nel secondo caso, e per i primi minuti, l'ascolto sembrerà "coinvolgere" maggiormente ma, dopo, verranno "perse" tutte le altre informazioni che, per deficit della sensibilità, andranno perse.
saluti, Tom

Avatar utente
Polin
Messaggi: 347
Iscritto il: 04/01/2017, 9:18
Località: Italia

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#2 Messaggio da Polin » 10/10/2018, 19:50

Dopo una certa "età" gli ascolti estemporanei diventano sempre più rari dato che si tende a pregustare (in anticipo) cosa poi si andrà ad ascoltare: ci si prepara anche mentalmente!
Saluti

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#3 Messaggio da TomCapraro » 11/10/2018, 7:43

Polin ha scritto:Dopo una certa "età" gli ascolti estemporanei diventano sempre più rari dato che si tende a pregustare (in anticipo) cosa poi si andrà ad ascoltare: ci si prepara anche mentalmente!
Approccio "maturo" ?
saluti, Tom

Avatar utente
Polin
Messaggi: 347
Iscritto il: 04/01/2017, 9:18
Località: Italia

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#4 Messaggio da Polin » 11/10/2018, 8:10

TomCapraro ha scritto:
Polin ha scritto:Dopo una certa "età" gli ascolti estemporanei diventano sempre più rari dato che si tende a pregustare (in anticipo) cosa poi si andrà ad ascoltare: ci si prepara anche mentalmente!
Approccio "maturo" ?
Solitamente “ l’approccio” può essere contraddistinto da diversi motivi con cui ci si pone all’ascolto. I motivi non possono essere uguali per tutti ovviamente perchè questi partono da precisi desideri , necessità , volontà e capacità di analisi.
In sintesi non esiste un approccio “comune” o “standardizzabile” che possa essere considerato assiomatico per definizione.
Ne consegue che tutto ciò che viene “dopo” è sempre relativo...
Saluti

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#5 Messaggio da TomCapraro » 11/10/2018, 8:27

Senza dubbio, in particolar modo sono d'accordo sul fatto che tutto ciò che rappresenta l'olismo non sia standardizzabile.
saluti, Tom

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6443
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#6 Messaggio da MarioBon » 11/10/2018, 11:40

Le osservazioni di Tom sono legate alla fisiologia dell'apparato uditivo e le ritengo valide in generale.
Poi se andiamo sul soggettivo vale tutto.
L'unica cosa che aggiungerei è di ascoltare musica in ambiente non troppo illuminato (ma nemmeno la buio) in posizione comoda.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#7 Messaggio da TomCapraro » 11/10/2018, 13:15

MarioBon ha scritto:Le osservazioni di Tom sono legate alla fisiologia dell'apparato uditivo e le ritengo valide in generale.
Poi se andiamo sul soggettivo vale tutto.
L'unica cosa che aggiungerei è di ascoltare musica in ambiente non troppo illuminato (ma nemmeno la buio) in posizione comoda.
...e magari con una temperatura gradevole.
Ad esempio quando c'è troppo caldo (o freddo) diminuisce la "predisposizione ottimale".
saluti, Tom

Avatar utente
AntoninoLeone
Messaggi: 219
Iscritto il: 02/03/2018, 21:42
Il mio Impianto: sorgente lector 7
pre norma
finale norma
diffusori B&W 801

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#8 Messaggio da AntoninoLeone » 11/10/2018, 13:40

Il fenomeno descritto è palese a tutti
Sicuramente cambieranno i tempi di reazione fisiologica

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#9 Messaggio da TomCapraro » 11/10/2018, 15:26

AntoninoLeone ha scritto:Il fenomeno descritto è palese a tutti
Sicuramente cambieranno i tempi di reazione fisiologica
Questi resteranno rigorosamente soggettivi e, appunto, fisiologicamente legati al soggetto.
saluti, Tom

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6443
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Come ascoltare la musica e trarne il massimo piacere.

#10 Messaggio da MarioBon » 11/10/2018, 15:47

Per quello che ci sà a riduzione della sensibilità è molto rapida.
Il "recupero" invece è più lungo e va da circa un quarto d'ora a ore (a seconda della intensità dello stimolo). Se insorgono acusfeni (i fischi nelle orecchie) possono volerci giorni e a volte restano per sempre.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite