L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallace.

L'udito, cosa udiamo, come udiamo
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6998
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallace.

#1 Messaggio da TomCapraro »

In questi giorni sono state estrapolate (decontestualizzate) delle mie vecchie frasi relative ad una prova/confronto la cui incontrovertibilità (visto che si parlava di CONFRONTI di natura informatica) del responso tecnico l'avrebbero resa inconfutabile (al 1000x1000) dal punto di vista dell'eguaglianza dei dati, come dire: 2+2 = 4

Se a fronte di questi responsi il cervello umano (che al tempo fu definito "ciofeca" relativamente se usato come "mezzo per effettuare confronti") continuasse a percepire delle differenze, il problema non riguarda le misure (che non sono affatto fallaci) bensi il modo d'interpretazione del sistema percettivo dell'uomo che, tra vari individui, potrà percepire cose identiche, cose diverse e...cose a volte identiche e a volte diverse a seconda del momento. (condizione fisica).

Ecco, per questi confronti (stabilire se un segnale è identico) servono opportune misure e non una prova d'ascolto alla carlona, in cui basta un qualunque soggetto che, per via della propria percezione, andrebbe ad alterare un responso la cui affidabilità è di gran lunga superiore.

Il cervello è qualcosa di straordinario, fa delle cose a dir poco incredibili e, sinceramente, non lo andrei a modificare in natura, rimane però un emerita "ciofeca" nel momento in cui gli si affida un compito dal quale dovranno uscire responsi sicuri, certi ed inconfutabili, qui non ci scommetterei nemmeno un centesimo perchè lo perderei sicuramente.
saluti, Tom

Avatar utente
Polin
Messaggi: 372
Iscritto il: 04/01/2017, 10:18
Località: Italia

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#2 Messaggio da Polin »

Il titolo del thread lo vedo un po' tendenzioso...
Saluti

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6998
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#3 Messaggio da TomCapraro »

Polin ha scritto:Il titolo del thread lo vedo un po' tendenzioso...
E' un titolo che non "favorisce" particolari interessi, se non quello di (al massimo) attirare l'attenzione affinchè venga fatta chiarezza sul significato della mia frase, ovvero: l'attribuzione del termine "ciofeca" che circoscrive un preciso elemento relativo al confronto, peraltro dai responsi incontrovertibili ed inconfutabili in quanto il margine d'errore è equivalente a zero.
saluti, Tom

Avatar utente
Polin
Messaggi: 372
Iscritto il: 04/01/2017, 10:18
Località: Italia

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#4 Messaggio da Polin »

TomCapraro ha scritto: Il cervello è qualcosa di straordinario, fa delle cose a dir poco incredibili e, sinceramente, non lo andrei a modificare in natura, rimane però un emerita "ciofeca" nel momento in cui gli si affida un compito dal quale dovranno uscire responsi sicuri...
Responsi di quale genere!
Saluti

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6998
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#5 Messaggio da TomCapraro »

Polin ha scritto: Responsi di quale genere!

Responsi scientificamente comprovabili, quali può essere un confronto in cui viene misurata la differenza (e non) tra sorgenti di tipo informatico.
Se preferisci posso farti degli esempi...
saluti, Tom

Avatar utente
Polin
Messaggi: 372
Iscritto il: 04/01/2017, 10:18
Località: Italia

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#6 Messaggio da Polin »

Parli quindi di misure!?
Saluti

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6998
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#7 Messaggio da TomCapraro »

Polin ha scritto: Parli quindi di misure!?
Certamente Polin, peraltro con margine d'errore ridotto a zero in quanto misure circoscritte al dominio digitale.
Un esempio comunque voglio farlo (che poi è un fatto accaduto).

Un conoscente ha rippato nuovamente (poichè li aveva rippati prima) circa 3000 CD perchè "sosteneva" che il rip tra due software di estrazione (per la precisione EAC vs PowerAmp) avrebbe prodotto "sensibili differenze all'ascolto".

Se analizzati (tramite un confronto speculare byte-to-byte) i files estratti dai due software non producevano alcuna differenza.

Questo sosteneva che era sbagliato il metodo di misurazione/confronto, e che quello che lui aveva percepito apparteneva alla realtà-

Beh...effettivamente se si attiene alla "realtà percepita" non aveva torto, LUIpercepiva...e quindi avrà ottenuto un effetto positivo dall'estenuante lavoraccio di andare a rippare nuovamente i suoi 3000 dischi ( :shock: )...ma...dichiarare che un confronto di dati digitali è sbagliato perchè LUI ha percepito no.

Lui ha percepito perchè è stato preso dall'autosuggestione di cambiare software di estrazione, quindi il suo sistema di percezione può definirsi FALLACE ai fini del vero risultato (scientificamente comprovabile) del confronto, di contro e, soggettivamente, se ha tratto dei benefici gradevoli non bisogna nemmeno biasimarlo.
saluti, Tom

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6732
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#8 Messaggio da MarioBon »

Il nostro apparato uditivo è nato per fare un certo tipo di lavoro.
Consideriamo i leoni: ogni leone ha un timbro di voce diverso ma tutti magiano gli uomini quindi, più che percepire la differenza nel timbro del ruggito, dobbimo percepire i caratteri comuni e capire che è un leone. Allo stesso modo dobbiamo capire quello che dice un omone con la voce grossa e un signora con la voce due ottave più alta. In sostanza quello che interessa è il messaggio che è indipendente dal timbro, intensità e altezza della voce (a anche dalla durata). Siamo anche capaci di distinguere le persone dal timbro della voce (capacità che si è sviluppata prima del linguaggio). I nostri sensi devono essere "elastici" e percepire come "uguali" anche stimoli che (alle misure) sono molto diversi tra loro.
Dal punto di vista el messaggio:
"stimoli diversi producono, nello stesso individuo, messaggi uguali"
"lo stesso stimolo produce, in individui diversi, messaggi uguali"
L'interpretazione del messaggio invece è soggettiva.
Passando alla musica ogni strumento ha un timbro diverso (e c'è chi li sa distinguere) ma questa differenza non ci impedisce di capire che sta suonando "un" violino o "un" pianoforte. Il prezzo da pagare è che dobbiamo fare una certa fatica per distinguere uno Stradivari da un Garnieri. Lo stimoli viene prima riconosciuto cone "violino" e poi come "Stradivari".
A tutto ciò si sommano gli aspetti spicoacustici soggettivi.
Non dobbiamo dimenticare che i nostri sensi si sono formati quando la sopravvivenza dipendeva da capacità che oggi sono diventate meno determinanti e che stiamo usando dei sensi, nati con uno scopo, per uno scopo diverso.
Forse tra centomila o duecentmila anni, il nostro apparato uditivo avrà caratteristiche diverse.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
faber_57
Messaggi: 102
Iscritto il: 04/12/2016, 22:43
Il mio Impianto: Stax SRM-T1 e Stax L700

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#9 Messaggio da faber_57 »

MarioBon ha scritto:... Lo stimolo viene prima riconosciuto cone "violino" e poi come "Stradivari".
....
E anche qui ci sono problemi :D
http://www.pnas.org/content/114/21/5395
Tradizione abstrac dell'articolo:
Si ritiene che i vecchi violini italiani abbiano qualità di suono introvabili nei nuovi violini, inclusa la possibilità di proiettare il suono in modo più efficace in una sala. Poiché i vecchi strumenti italiani hanno ora un prezzo superiore alla portata della maggior parte dei musicisti, sembra importante testare l'assunto fondamentale della loro superiorità tonale. Uno studio recente ha rilevato che, in cieco, i solisti del violino generalmente preferiscono i nuovi violini e non sono in grado di distinguere tra nuovo e vecchio a livelli migliori del caso. ...

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6732
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: L'uomo, e in generale il sistema di percezione, è fallac

#10 Messaggio da MarioBon »

Non ho detto che lo Stradivari suoni meglio ma che viene riconosciuto dopo essere stato riconosciuto come violino. (Sempre che venga riconosciuto come Stradivari). Forse era meglio se paragonavo una Fender Stratocaster ad una Gibson Les Paul.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti