cd vs liquida: confusione

Tutto quello che riguarda la riproduzione della musica liquida...
Rispondi
Messaggio
Autore
nanni66
Messaggi: 30
Iscritto il: 22/07/2020, 8:29
Il mio Impianto: marantz cd 80-wadia x32-agi 511-radford sta35-tannoy eaton-strateg orchestra

cd vs liquida: confusione

#1 Messaggio da nanni66 » 02/11/2020, 10:06

mi spiego: è un po' di tempo che sto confrontando come sorgente una meccanica Marantz cd 80 collegata in spdif con cavo mit digital ed un dac rme adi 2 ed un notebook acer aspire 3 con win 10 e jriver collegato in usb allo stesso dac.

c'è da dire che il pc è quello che uso normalmente,quindi non è ottimizzato.

il risultato è che il suono che esce dall'accoppiata con il Marantz è senza dubbio più ricco di armoniche è più tendente all'analogico,mentre il suono del pc è decisamente più povero,esile ed asciutto,che per certi versi può essere un toccasana soprattutto per i bassi che sono più asciutti.la differenza però è tutta a favore del cd. con la classica la differenza è ancora maggiore.ovviamente ho usato cd red book ed il relativo rippato in flac.

se poi collego la meccanica al wadia x32 la differenza aumenta.ma qui cambia il dac,quindi è uno scontro tra dac diversi.in tal caso mi vien da pensare che il wadia,seppur vecchio di decenni sia una macchina superiore a dac nuovi fino ad un certo prezzo,ma non ho esperienza di dac recenti più costosi.

secondo voi è normale? l'rme gode di ottima reputazione,molti sostengono la superiorità della liquida sul cd,ma a me risulta esattamente il contrario. sbaglio qualcosa?

è un problema di pc,dac o altro?ho provato anche il raspberry,ma niente...

sono molto confuso e non so che pesci prendere. l 'impianto è di livello medio,il componente meno prestigioeso è la sorgente,infatti pensavo ad un upgrade ma non saprei cosa prendere per fare un deciso passo in avanti.

spero in voi...saluti a tutti

Avatar utente
rollo
Messaggi: 612
Iscritto il: 01/03/2018, 17:31
Il mio Impianto: cd ampli casse

Re: cd vs liquida: confusione

#2 Messaggio da rollo » 02/11/2020, 16:42

ho avuto impressioni simili anche io. volevo passare alla liquida, sono stato da un conoscente che ha un set up piuttosto complesso, e già li mi stava passando la voglia,
poi abbiamo fatto dei confronti con un lettore meridian ormai d' epoca, ed anche io ho preferito il cd. spiegazioni non ne ho, ma tanto mi basta. pure io mi prenderei
un dac vintage, l' unica è per i pezzi e l' assistenza, ma sul suono pochi dubbi che è meglio, anche perchè era roba che al tempo costava un botto.

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6944
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: cd vs liquida: confusione

#3 Messaggio da TomCapraro » 02/11/2020, 19:25

Dunque, marantz usato come meccanica collegato in S/pdif al DAC RME ADI2 -contro- lo stesso DAC RME ADI2 collegato in USB ad un notebook acer aspire.

Se la differenza è palesemente udibile (senza entrare nel merito dei gusti personali) le cause possono (potrebbero...) essere queste:

1) il DAC RME ADI2 utilizza un filtro digitale diverso (?) a seconda dell'ingresso.

2) il collegamento in s/pdif con la meccanica Marantz (se il filtro in ingresso fosse identico) genera piu jitter...interpretato (interpretabile) come suono "piu ricco" (non dico che non sia preferibile/preferito...ma per dare una possibile spiegazione)

3) il PC genera "sporcizia" nel ramo delle alimentazioni e queste vengono veicolate dal collegamento e i piani di massa (tale sporcizia può incidentalmente alterare il clock master)

4) dai due diversi collegamenti si ottiene un livello di ampiezza diverso nel segnale analogico, il che significa che...se quello collegato al PC dovesse essere leggermente inferiore, all'ascolto l'impressione sarebbe di un suono con minore risoluzione.

Una cosa è certa: dopo molti anni di smanettarci posso assicurare che le cause solitamente vengono individuate (sono individuabili) e quando si risolvono CD e liquida vanno uguali...anzi...in molti casi la liquida va anche meglio (vedi la stabilità durante i passaggi in cui i diffusori emettono grande energia alle basse frequenze, e quindi provocano molte vibrazioni a livello meccanico)

Io potrei individuare la causa per la quale si sente questa differenza, ma ci vorrebbero delle misurazioni. (con opportuno segnale e scheda di acquisizione allo stato dell'arte)

p.s però una prova per poter capire qualcosa senza misure si può fare benissimo, basta collegare al PC un interfaccia USB --> S/pdif (tipo una Gustard o simili) in modo che il DAC possa ricevere dal PC il medesimo protocollo, ovvero: S/pdif-
saluti, Tom

nanni66
Messaggi: 30
Iscritto il: 22/07/2020, 8:29
Il mio Impianto: marantz cd 80-wadia x32-agi 511-radford sta35-tannoy eaton-strateg orchestra

Re: cd vs liquida: confusione

#4 Messaggio da nanni66 » 02/11/2020, 20:09

chiaro il tuo intervento.
se ci fosse un'anima pia in zona roma,sarebbe interessante provare.
magari qualcuno me la presta per un paio di giorni.

Lucignolo1
Messaggi: 11
Iscritto il: 18/10/2020, 7:35
Il mio Impianto: Amplificatore valvolare Cayin mt45 mk2, casse monovia autocostruite con speaker Tang Band w8-1808, Topping D90 DAC, computer assemblato per riproduzione file.

Re: cd vs liquida: confusione

#5 Messaggio da Lucignolo1 » 02/11/2020, 23:11

Il problema risiede nel l'uscita usb del PC, solitamente piena di disturbi ed interferenze. Anche io utilizzo un vecchio PC per la musica liquida con Daphile ed un dac, il Topping d90 e sono passato dall'utilizzo dell'uscita usb, all'uscita toslink (uscita ottica), sempre del PC (vecchia scheda madre Sabertooth fx990), ovviamente il mio dac ha un ingresso toslink. È cambiato tutto e di molto, spazialità, pulizia e qualità del suono. L'unico inconveniente è che la massima riproduzione che posso avere con il toslink è di 192kz, che secondo me è già tanto. Se riesci a procurarti un PC con uscita toslink e udirai la differenza.

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6944
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: cd vs liquida: confusione

#6 Messaggio da TomCapraro » 02/11/2020, 23:46

Lucignolo1 ha scritto: 02/11/2020, 23:11 Il problema risiede nel l'uscita usb del PC, solitamente piena di disturbi ed interferenze. Anche io utilizzo un vecchio PC per la musica liquida con Daphile ed un dac, il Topping d90 e sono passato dall'utilizzo dell'uscita usb, all'uscita toslink (uscita ottica), sempre del PC (vecchia scheda madre Sabertooth fx990), ovviamente il mio dac ha un ingresso toslink. È cambiato tutto e di molto, spazialità, pulizia e qualità del suono. L'unico inconveniente è che la massima riproduzione che posso avere con il toslink è di 192kz, che secondo me è già tanto. Se riesci a procurarti un PC con uscita toslink e udirai la differenza.
In quei casi in cui il PC risulta essere particolarmente disturbato, il collegamento toslink "spezza" i disturbi in quanto galvanicamente isolato.
Comunque da una Gustard (interfaccia USB--> S/pdif coax) esce fuori un ottimo segnale, pulito e a basso jitter.
Oltretutto implementa anche altri output, tipo>: l'AES/Ebu e, appunto, il toslink.
saluti, Tom

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 1 ospite