Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

...per non dimenticare i problemi lessicali di Calabrese che ha tradotto "sensibilità" con "efficienza" (e non solo...)
https://audioitalia.mondoforum.com/view ... =27&t=1450.
Regole del forum
"Dove sussistono problemi lessicali non è possibile formulare ragionamenti logici" (P.A.M. Kistanami). Niente insulti e parolacce. A quelle ci pensa già il Sig. Fabrizio Calabrese.
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#21 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 11:45

Immagine
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

...niente da fare, ad un somaro gli puoi gridare dentro le orecchie e questo non si smuoverà di un centimetro.
Non potendo controbattere sul discorso del residuo nullo, riprende in mano la sua strampalata valutazione sulla somma//sottrazione affinchè si capisca qualcosa sul reale sfasamento tra canali.
A questo punto, visto che calabrese non capisce una beata mazza tra il rapporto che lega uno sfasamento in relazione alla lunghezza d'onda delle frequenze bisognerà fargli un bel disegnino...cosa che quanto prima farò.
saluti, Tom

carlochiarelli
Messaggi: 481
Iscritto il: 04/08/2018, 11:14
Il mio Impianto: Autocostruito

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#22 Messaggio da carlochiarelli » 17/09/2019, 11:56

Non capisco: FC da dei giudizi di progetto senza ascoltare i diffusori ma solo sulla base di misure pubblicate da una rivista, a suo dire prezzolata, ed eseguite da una persona, sempre a suo dire incompetente. Valgono molto di più i test di Alfredo di Pietro che ci mette del suo e poi se talvolta sbaglia amen , almeno è corretto.

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#23 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 12:50

Immagine
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Come no...!!! stiamo discutendo sul fatto che hai scritto delle sciocchezze...ovvero: che i bassi registrati (anche su CD) sono *assolutamente mono* e *perfettamente in fase* .
Questo in virtù della contestazione sui segnali scorrelati usati da GPM, il quale utilizza due generatori.

Ebbene, i segnali registrati sotto i 150hz/200hz NON SONO nè assolutamente mono...e nemmeno perfettamente in fase. Punto.

Hai poi estratto dal cilindro la tua magica "misurazione" con la quale poterci soffiare solo il naso in quanto totalmente inaffidabile per determinare un REALE valore di sfasamento (compresa la precisa individuazione della banda in frequenza interessata) e poterlo confrontare con lo sfasamento che GPM adotterebbe.

Fin qui cosa hai fornito ? solo dati smisuratamente fuorvianti e inattendibili.
saluti, Tom

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#24 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 14:25

Immagine
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il problema (principale) è che tu, non avendo le idee chiare, non appena ti azzardi a "misurare" qualcosa combini delle colossali pasticciate...ma di quelle grosse.

Che la gamma bassa risulti "più in fase" rispetto la gamma superiore è scontato (e lo sanno pure gli asini) ma è ben diverso del dichiarare "assolutamente mono" e "perfettamente in fase" perchè semplicemente non lo è.
E non è nemmeno corretto utilizzare il tuo metodo attribuendone perfino (in modo scellerato) un valore assoluto come i "20dB".

Somma e sottrazione tramite cool edit, in quel modo, forniranno -sempre- un risultato degno della tua incompetenza...quindi inesatto e fuorviante.

Non puoi pretendere un risultato che fornisca uno straccio di attendibilità, ti ci vuole un oscilloscopio/analizzatore che estragga il delta della fase in relazione alla frequenza con tanto di previa equiparazione del gain in funzione dell'andamento dello spettro...che va anch'esso rigorosamente allineato.

Tu "confronti" forme d'onda e spettri che derivano da un controfase di segnali aventi: ampiezze diverse, risposte in frequenza diverse, fase diversa, ritardo di gruppo diverso ect...quindi un modo vergognoso per dire che leggerete 65536 possibilità diverse di visualizzare una differenza. Penoso per un "progettista".

Per dimostrarti (o meglio per far capire a chi ha uno straccio di competenza) quanto stai prendendo l'ennesimo abbaglio ti invito a fare una prova (che per la simmetricità dei segnali risulterà maggiormente comprensibile)

1) prendi il tuo amato cool edit pro e sintetizza una sessione STEREO di Brown signal di 20 secondi a 32bit/96khz, che è molto carico in bassa frequenza.

2) silenzia il primo e l'ultimo secondo su entrambe le tracce.

3) ritarda uno dei due canali affinchè si possa simulare uno sfasamento, basta il "solo" ritardo di un campione (occhio perchè su cool edit dovrai selezionarne due di campioni poichè se funge come Audition non se lo prende)

4) ecco, ti ritrovi una sessione stereo con due canali perfettamente simmetrici (sia nella forma d'onda, nel group delay che in ampiezza) sfasati soltanto di 10,417 microsecondi.

5) adesso effettua la tua (non mia) strampalata somma e sottrazione e posta i risultati dello spettro in overlay. (se non lo fai sarai in malafede...ma questo ce lo aspettiamo) con tanto di spiegazione sul perchè viene fuori quella differenza.

Fatto questo, se hai uno straccio di onestà intellettuale, ti costringerà a dire (sia ai tuoi forumers che ai nostri) ragazzi, come sempre ho preso un abbaglio, visto che di segnali e di misure non ci capisco una beata mazza perchè raffazzonando ho cercato di utilizzare una tecnica i cui risultati vertono soltanto a gettare fumo negli occhi affinchè si porti acqua al mio mulino. (rotto)
saluti, Tom

Carlo
Messaggi: 140
Iscritto il: 20/04/2019, 20:54
Il mio Impianto: sorgente PC
Dac project
Pre ARCAM FMJ C 49
Finale ARCAM FMJ P 49
Diffusori ProAc D48 response ribbon
cavi autocostruiti schermati

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#25 Messaggio da Carlo » 17/09/2019, 14:29

Specialmente poi in ambiente domestico tramite la riproduzione dai diffusori difficilmente potranno essere in fase
Grazie Tom per la disamina sulla fase dei segnali registrati

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#26 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 14:39

Carlo ha scritto:Specialmente poi in ambiente domestico tramite la riproduzione dai diffusori difficilmente potranno essere in fase
Grazie Tom per la disamina sulla fase dei segnali registrati

In ambiente si "rimescoleranno" intrinsecamente altre cose...tranne in quei casi in cui posizionamento e simmetricità del locale spaccano il capello.
saluti, Tom

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#27 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 15:30

Niente da fare...continua imperterrito a ragliare e scalciare all'impazzata.

Oramai nei suoi scritti c'è talmente confusione che anche a dipanarla si ricomincerebbe daccapo. (perchè non ha capito che quelle pseudo-cancellazioni del segnale differenza in bassa frequenza possono derivare da una miriade di fenomeni a lui sconosciuti)

Tentiamo disperatamente (con un "reset") a formulare l'ultima domanda a calabrese, attinente alla diatriba che sfocia da un preciso (suo) intento:

1) Gian Piero Matarazzo (al quale contesti i due generatori separati) che valori di scorrelazione/sfasamento utilizza ? (devi fornire dati alla mano)

2) lo sfasamento in bassa frequenza sulle registrazioni di quanti gradi è ??? (dovrai fornire dati alla mano)

Se non li fornisci entrambi avrai contestato (e accomunato) qualcosa che non sta nè in terra e nemmeno in cielo, postando una valida tecnica di test che però...ahimè...in questo caso è equinamente inaffidabile.
saluti, Tom

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#28 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 15:45

...io il test sui segnali Brown lo posto comunque, chissà se il "genio" è capace di commentare tecnicamente (per filo e per segno) il perchè di questi risultati.

IN VERDE LO SPETTRO INTONSO DELLA SOMMA DEI DUE CANALI.

IN ROSSO LO SPETTRO DELLA SOMMA DEI DUE CANALI CON UN DELAY PARI A 10,417 MICROSECONDI.

IN VIOLA LO SPETTRO DELLA SOTTRAZIONE CON IL MEDESIMO DELAY PARI A 10,417 MICROSECONDI.

Immagine

Se riesce a commentare i grafici, in automatico, capirà le ragioni per le quali sommare e sottrarre due canali registrati è sbagliato. (affinchè si cerchi un determinato ed attendibile riscontro)
saluti, Tom

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6436
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#29 Messaggio da TomCapraro » 17/09/2019, 20:32

http://www.hifi-forumlibero.it/phpBB3/v ... f=5&t=8733

calabrese vorrebbe "stupirci" con effetti speciali, o meglio, effetti visivi. :o :mrgreen:

Mostra una serie di waveform dalla quale (ovvio) forma non si potrà mai esaminare il REALE delta della fase (con relativa banda interessata) tra canale destro e canale sinistro.

Vediamo realmente con misure attendibilissime (e verificabili da gente competente) cosa vuol dire segnale "assolutamente mono" e "perfettamente in fase" -

Basta soltanto esaminare il delta della fase giusto nella "canzone di marinella" (per confrontare un risultato certo da una scempiaggine di calabrese)

Eccolo qui...
Da notare che di "assolutamente mono" e "perfettamente in fase" c'è poco.


Immagine

Adesso vediamo un vero brano MONO.
Notate nulla ?


Immagine

E dulcis in fundo l'acquisizione singolare di due segnali "assolutamente mono" dentro un locale home perfettamente simmetrico (come lo stesso posizionamento).
Da notare che in ambiente la monofonicità dei bassi tende a perdersi...figuriamoci quando verranno riprodotti segnali che di "assolutamente mono" e "perfettamente in fase" hanno ben poco.


Immagine

Attendiamo adesso che calabrese ci comunichi di quanto siano sfasati i segnali utilizzati da GPM. (i dati precisissimi li ho mostrati...e senza l'inganno di var vedere due waveform "somiglianti")
saluti, Tom

Carlo
Messaggi: 140
Iscritto il: 20/04/2019, 20:54
Il mio Impianto: sorgente PC
Dac project
Pre ARCAM FMJ C 49
Finale ARCAM FMJ P 49
Diffusori ProAc D48 response ribbon
cavi autocostruiti schermati

Re: Fabrizio Calabrese e le misure (JBL 4307)

#30 Messaggio da Carlo » 17/09/2019, 21:56

Buonasera Tom, Daniele che ne sa molto piu di me mi ha detto che tra i canali potrebbe anche esserci un ritardo costante e che il maggiore sfasamento alle medie e alte verrebbe generato dal diminuire della lunghezza d'onda
Che ne pensi ?

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite