DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

Indicazioni, Dispositivi, programmi i calcolo, e quanto può servire in generale...
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6657
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#1 Messaggio da TomCapraro » 30/11/2019, 23:45

Con questo software è possibile aggiungere ai brani musicali (nonchè i segnali di prova) una determinata quantità di distorsione e livello di rumore.
Possiamo stabilire sia il livello della distorsione che la quantità di armoniche quindi poter confrontare al volo la relativa udibilità.
Il file musicale (o segnale di prova) può essere salvato con l'aggiunta della distorsione e/o rumore, quindi poterlo ascoltare su qualunque sistema.
Un programma adatto per chi fa sperimentazione --> https://deltaw.org/get_distorted.html
saluti, Tom

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6270
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#2 Messaggio da MarioBon » 01/12/2019, 12:58

Questo può andar bene per un amplificatore. In un diffusore acustico ci sono delle causa in più come la distorsione sub armonica, l'isteresi e la distorsione dovuta alla variazione del flusso della bobina mobile che dipende dalla frequenza.
Comunque è un programma utile per esempio per capire la differenza tra un ampli a valvole e a stato solido..
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6657
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#3 Messaggio da TomCapraro » 01/12/2019, 20:11

MarioBon ha scritto:Questo può andar bene per un amplificatore. In un diffusore acustico ci sono delle causa in più come la distorsione sub armonica, l'isteresi e la distorsione dovuta alla variazione del flusso della bobina mobile che dipende dalla frequenza.
Comunque è un programma utile per esempio per capire la differenza tra un ampli a valvole e a stato solido..
Anche per capire quanto in bassa frequenza l'udito sia meno sensibile alla distorsione rispetto la gamma medio-medioalta.
saluti, Tom

Alessandro Cioni
Messaggi: 518
Iscritto il: 26/01/2017, 9:28
Il mio Impianto: Sistema DIY per la musica sinfonica con... (ho perso il conto...) trasduttori suddivisi in 11 vie
Località: Valmontone (RM)

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#4 Messaggio da Alessandro Cioni » 01/12/2019, 21:33

Quale distorsione? Su quale segnale? Che tipo di trasduttore utilizziamo?
Come facciamo a fissare il livello di udibilità se la prova richiede necessariamente un trasduttore che ha con ogni probabilità un livello di distorsione superiore?
Il compito non è tanto di vedere ciò che nessun altro ha ancora visto; ma pensare ciò che nessun altro ha ancora pensato riguardo a quello che chiunque vede. (E. Schrodinger)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6657
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#5 Messaggio da TomCapraro » 01/12/2019, 22:48

Alessandro Cioni ha scritto:Quale distorsione? Su quale segnale? Che tipo di trasduttore utilizziamo?
Come facciamo a fissare il livello di udibilità se la prova richiede necessariamente un trasduttore che ha con ogni probabilità un livello di distorsione superiore?
1) si può "costruire" distorsione di seconda, terza, quarta ect...ect...quindi distorsione armonica con determinati livelli a piacimento.
Si può costruire distorsione casuale tramite l'aggiunta di rumore scorrelato.

2) su qualunque segnale per fare confronti con e senza la distorsione, o con piu e/o meno distorsione, oppure con distorsione di ordine pari prevalente o di ordine dispari.

3) un trasduttore o setup che distorca meno rispetto alla distorsione che verrebbe aggiunta.

4) es: il mio trasduttore fa 100dB (con segnale stazionario) a 30hz con lo 0,7% di THD, se porto la THD al 14% posso valutare cosa cambia, poi posso incrementare la frequenza e ridurre o aumentare la THD.
saluti, Tom

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6657
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#6 Messaggio da TomCapraro » 01/12/2019, 22:50

Ho avuto una coppia di diffusori che a 35hz non si riusciva a distinguere bene un tasso di THD pari al 14%. (c'è un motivo specifico)
saluti, Tom

Alessandro Cioni
Messaggi: 518
Iscritto il: 26/01/2017, 9:28
Il mio Impianto: Sistema DIY per la musica sinfonica con... (ho perso il conto...) trasduttori suddivisi in 11 vie
Località: Valmontone (RM)

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#7 Messaggio da Alessandro Cioni » 02/12/2019, 0:15

TomCapraro ha scritto:
3) un trasduttore o setup che distorca meno rispetto alla distorsione che verrebbe aggiunta.
È questo il punto.
Posso capire in gamma bassa o altissima, ma tra 200 e 7000 Hz non esiste un sistema la cui distorsione è inferiore a quella minima rilevabile dall’orecchio umano, altrimenti non saremmo più in grado di giudicarlo con un ascolto, non ne percepiremmo i difetti. La fedeltà non sarebbe semplicemente “alta” ma “assoluta”.

1) Cercare di fissare un livello di udibilità della distorsione da parte dell’orecchio, significa misurarlo con uno strumento capace di una risoluzione maggiore di almeno un’ordine di grandezza.
2) Stiamo cercando un valore che sappiamo essere molto basso ma che non conosciamo, quindi non conosciamo neanche la precisone del setup necessaria a misurarlo.

Non posso pretendere di misurare il diametro del filamento di una tela di ragno usando il metro del falegname.
Se lo facessi potrei solamente affermare che è inferiore a 1mm
Dovrei cominciare a pensare a uno strumento capace di scendere al di sotto (almeno dieci volte)della dimensione che mi aspetto di misurare.

È chiaro che vanno definiti i parametri a contorno, ma se vogliamo una misura significativa ai fini del nostro hobby, dobbiamo assumere un segnale musicale trasdotto ad una pressione realistica, all’interno del quale si può aumentare la distorsione (su step misurabili) non su una singola frequenza ma su un gruppo omogeneo e significativo di informazioni contenuto nel segnale musicale.
Credo che un setup idoneo alla misura al livello minimo di distorsione rilevabile dall’orecchio trovi inesorabilmente il proprio anello debole nella trasduzione.
Con molto ottimismo si potrebbe pensare ad una buona cuffia.
Molto ottimismo.
Il compito non è tanto di vedere ciò che nessun altro ha ancora visto; ma pensare ciò che nessun altro ha ancora pensato riguardo a quello che chiunque vede. (E. Schrodinger)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6657
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#8 Messaggio da TomCapraro » 02/12/2019, 14:28

Appunto, le JDD parlano...nel migliore dei casi...di tassi di udibilità attorno lo 0,02%.
La stragrande maggioranza di impianti, nel punto ascolto, superano abbondantemente questi valori per cui la sperimentazione assume un aspetto contestuale del tipo: sento in questo modo e, aggiungendo una determinata quantità di distorsione riesco a percepirlo.(o meno)
saluti, Tom

Alessandro Cioni
Messaggi: 518
Iscritto il: 26/01/2017, 9:28
Il mio Impianto: Sistema DIY per la musica sinfonica con... (ho perso il conto...) trasduttori suddivisi in 11 vie
Località: Valmontone (RM)

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#9 Messaggio da Alessandro Cioni » 02/12/2019, 14:59

Perdona la mia ignoranza, JDD cos’è?
0,02% è un’ipotesi... una stima con buona approssimazione... o cosa?
Mi sembra un valore piuttosto credibile, quale trasduttore avrebbero usato per misurarlo?
Il compito non è tanto di vedere ciò che nessun altro ha ancora visto; ma pensare ciò che nessun altro ha ancora pensato riguardo a quello che chiunque vede. (E. Schrodinger)

Alessandro Cioni
Messaggi: 518
Iscritto il: 26/01/2017, 9:28
Il mio Impianto: Sistema DIY per la musica sinfonica con... (ho perso il conto...) trasduttori suddivisi in 11 vie
Località: Valmontone (RM)

Re: DISTORSIONE: fissiamo il livello di udibilità

#10 Messaggio da Alessandro Cioni » 02/12/2019, 15:06

Mi viene però ora in mente un modo per soddisfare il titolo del thread.
Forse si riesce ad evitare la trasduzione e molti altri anelli della catena.
Supponiamo di mettere su un’orchestrina.
Uno degli strumenti, ad esempio un violino, potrebbe essere dotato di un meccanismo che introduce una distorsione (misurabile) di entità variabile.
Così potremmo chiedere ad un campione rappresentativo di ascoltatori ignari di quanto accade se riconoscono differenze rispetto al suono naturale...
Che ne dici?
Il compito non è tanto di vedere ciò che nessun altro ha ancora visto; ma pensare ciò che nessun altro ha ancora pensato riguardo a quello che chiunque vede. (E. Schrodinger)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite