Oggi è il 25/01/2020, 9:45

Regole del forum


Argomenti non strettamente tecnici



Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
 Le scorciatoie per non buttare soldi 
Autore Messaggio

Iscritto il: 18/05/2019, 15:34
Messaggi: 586
Rispondi citando
Messaggio Le scorciatoie per non buttare soldi
ora che vi siano personaggi lacunari che centellino il sapere per poi vendere e autopromuovere e sdoganare i
propri prodotti è normale.

Non andate a chiedere all’acquaiolo come è buona la sua acqua.

detto questo dovreste avere un amico che ha preso così tante fregature, che abbia voglia di metterci la faccia e il
tempo per dirvi il problema dove sta nel tuo impianto, nella tua testa, nel budget etc.

Dovrebbe essere chiaro la musica che ascolti, l’ambiente.

vi era un signore che scriveva nelle riviste, dopo aveva anche un forum, qualcosa ha dato, anche tanto, delle volte le cose si trovavano disperse, delle volte non ha detto le cose come stavano, delle volte le ha dette nascoste, insomma
qualche soldino ha contribuito anche lui a farcelo spendere.

Ma qui con il web si trova tutto, ormai i vecchietti non ci perdono più tempo, ognuno guarda per se....all’italiana.

ma i trucchi? Beh bisogna andare dai vecchietti e con pazienza e sintesi esporre il problema, specifico.

io sono solo un appassionato che ha ereditato la passione e che nel corso di tanti impianti girati per casa ha notato
che vi sono delle coincidenze fra le mie esperienze e quelle che scavando nel web come un archeologo si può trovare.
vuol dire che si può aiutare a risparmiare senza prendersi solenni fregature?
Ni
primo non ho nè proprietà di linguaggio, nè l’esperienza che può avere un operatore del settore, o un hobbista
autocostruttore .
quindi ciò che vi scrivo non vuole essere risolutivo ne tecnicamente esaustivo, fate finta che siano quattro chiacchere.

obiettivo la moglie ebbra e vino nella botte

vediamo cosa salta fuori


31/05/2019, 18:03
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 01/03/2018, 17:31
Messaggi: 423
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
bel post.


31/05/2019, 18:36
Profilo

Iscritto il: 18/05/2019, 15:34
Messaggi: 586
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
posizionamento impianto ambiente

Il mio punto di ascolto cade davanti di circa 50 cm. davanti a dove mi siedo.
soluzione: stacca il divano dalla parete di fondo e vedrai che ci cadi proprio dentro nell’hot spot.

non ho voglia di spostarlo ogni volta che voglio sentire il massimo che l’impianto può offrire.

Quante volte mi sarà capitato di sedermi al cinema e stare o troppo indietro o troppo vicino, beh è lo stesso
Problema.

Quando il posizionamento è obbligato non vi è nulla da fare, quello è.
perchè spendere soldi per migliorare, pezzi dell’impianto?
beh, se il posizionamento nel tuo ambiente è quello che non permette al sistema stereo di funzionare, io direi di essere
minimalisti, spendi il minimo che tanto non ne vale la pena, e dirigiti subito da un discaio.
Gia qui ti ho fatto risparmiare, ho visto una catena mcintosh con delle B&W messe al lato del divano punto di ascolto.
caso limite....è anche online questo personaggio.
beh quale è il problema? quell’impianto lo soddisfa, può permetterselo, e lui lo sente così, con i mc su una mensola su
un calorifero se non erro.
ma noi? un paio di casse a muro e via, anche con il mc.

perchè? perchè è meglio rispettare i parametri del posizionamento che il progettista dei diffusori ha ottimizzato.

altro esempio? Allison one, bose 901, klipschorn, ar 9, magneplanar, fattevene una ragione ogni progetto più o
meno pregiato è fatto per suonare lì, non in un punto della stanza qualsiasi.

e stiamo parlando di top di gamma, ma non importa, vale per tutti i diffusori, anche per un modesto monovia, per le mie heresy, per qualsiasi diffusore, se non correttamente collocato, suona peggio, talvolta in modo inascoltabile.
questi difetti non si devono correggere comperando altri prodotti della catena che compensino in qualche modo.
mai
buttate via soldi.
rassegnarsi e andate dal discaio.
premetto che non vendo dischi, e che vi sono molti modi oggi per risparmiare ma non ve li cito.
insomma tutte le volte che state per cambiare un pezzo del sistema domandatevi se possibile ascoltarlo prima a casa
propria, possibile ?
bene, anche uno usato, benissimo.
troverete che a casa vostra potrete decidere se è meglio questo o quello, se il tower va bene o no...? Dipende
mettetelo nella sua posizione ottimale e se vi piace compratelo.
hai risparmiato


31/05/2019, 18:53
Profilo

Iscritto il: 18/05/2019, 15:34
Messaggi: 586
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
Qualche trucchetto per scegliere i diffusori c’è.
se siete con l’effetto wow e il tonfo al cuore, beh l’avete lì, davanti a voi, vi ha scelto lui.
se cominciate a cambiare diffusori e ad andare di negozio in negozio, beh probabilmente siete con tanti wow,
comprate quello che fa meno wow.
Perchè?vi è una ragione, il troppo stanca, affatica, alla lunga la colorazione stufa prima.
bello il giallo, eh, il rosso poi. ma voi mettere il grigio....eh ecco è lo stesso dopo un pò metti sempre quello.
non è una regola, ma per me funziona così, troppo jbl, troppi fullhorn, troppi electrovoice, alla fine torno a più
Miti wow.
Ê così per i colori delle auto, per i vestiti, per gli orologi, per l’estetica degli sterei, per le moto, per tutto.
Ma non siamo uguali, devi vedere tu i tuoi wow, sappi però che con il tempo cambierai e cambiare costa.
Non seguire le mode, adesso tutti con sta alta efficenza, bene vai a ascoltare dipoli...magari ti piacciono e ti
fanno lo sconto perchè non li vogliono in tanti.

come interfacciare ampli e diffusori

il mio sistema funziona con le valvole o con i transistor...perchè?

beh scelti i diffusori che ti piacciono, che incontrano il tuo gusto, messi nel punto che suonano al meglio, direi correttamente interfacciati con l’ambiente, che è un dato fisso, è quello, posso migliorarlo, ma non posso renderlo
invivibile per sentire la musica, arriva il momento che si sente che qualcosa manca, prima o poi.

ora l’ambiente è importante, prendete un ipad, si proprio quello, spostatevi per le stanze di casa e scoprite che il bagno
suona diverso dalla sala.
oppure provate ad aprire le porte della stanza, le finestre...suona diverso.
ma anche il rumore di fondo, fatevi la barba e la musica dell’ipad quando risciacquate il lavandino sparisce, o meglio
le parole non sono più intelleggibili come prima.
se ascoltate in auto è lo stesso ...e via via

Se ascoltate musica in un ambiente con un pc acceso siete fregati, se avete il climatizzatore pure...
e allora vale la pena comperare e scegliere sulla base di misure allo 0,0005 % di distorsione?
o diffusori lineari tra 20 e 20000 entro 3db? o magari cambiare quello che si ha perchè il nuovo miracoloso
è ancora più lineare o silenzioso?
no
vai dal discaio
ho comperato molti ampli, diffusori, e quant’altro per poi scoprire che ho solo buttato soldi.
perchè?
ho ascoltato poca musica dal vivo, non avevo esperienza, leggevo le riviste, e cercavo gli apparecchi con le misure migliori.
ho fatto tutti gli errori.
non ripeteteli, fate invece:
-Ascoltare il suono degli strumenti, sia in un appartamento, sia in un pub, ovunque...è vitale
-sentire con le proprie orecchie se la musica riprodotta dagli sterei è soddisfacente, confrontateli più che potete.
-fregarsene delle misure, il vostro strumento è l’orecchio
vi dicevo di come interfacciare ampli e diffusori. così.
a orecchio, sentite un impianto cambiando ampli.
se non cogliete differenze, lasciate stare
se le cogliete domandatevi perchè? stesso disco e volume ...ma suona diverso.
ecco la via è quella.
abituatevi a sentire la musica degli sterei, hai cambiato solo un ampli e il suono è diventato vivo, dinamico.
oppure si è attuffato, oppure tagliente, oppure senti sfumature che prima non coglievi, il basso si articola meglio,
oppure riconosci meglio gli strumenti, ti sembra di sentire meglio le parole...
quanta distorsione c’è in quell’ampli che preferisci?
chettefrega
che potenza aveva?
chettefrega
quanto costa?
come risparmiare?
beh ampli e diffusori sono marito e moglie, devi scegliere fra quelli che suonano poi tutti uguale, e quelli che suonano
come piace a te.
cerca di capire il tipo di impianto che stai facendo, e segui la filosofia.
non sto scherzando.
sei capitato nell’alta efficenza, ti piace, ok ma non compererai allora un ampli da 100 watt basta 2 o 3 o 50
sei capitato negli elettrostatici, compera ampli adatti, che non sono le valvole, o tu vuoi dissanguarti.
quando uno ti dice i miei diffusori hanno 140 db di efficenza se ti piacciono, sappi che con 2 watt fai tremare i muri.
quando uno ti dice che un elettrostatico ha chesso 85 db sappi che con 100 watt ascolti normale in un ambiente silenzioso.
insomma sposa una filosofia, o bassa efficenza o alta, se cambi butti al cesso tutto.
mai cambiare filosofia programma gli acquisti in previsione di quelli futuri.
gli rd sono un jolly, ti permettono di prendere un ampli polivalente.
ecco per risparmiare qui devi pensare che tutto è un compromesso e tutto è in evoluzione.
gusti, traslochi, disponibilità economiche.
non credere a chi ti parla di rivendibilità, non credere, stiamo comperando beni voluttuari, non ci credi?
Prova a dire a un rivenditore voglio cash.....ho un mc....è un bagno di sangue....non basare le tue scelte su
questo, e non spendere mai più di quello che ti puoi permettere.
I miglioramenti che otterrai saranno sempre inferiori man mano che spendi di più.
se io penso alla differenza che ho fra un ampli da 50 watt a transistor da 1000 € e uno a valvole da 3000€ mi viene da ridere.
Meglio destinare la differenza a dischi.
ma anche se hai l’idea di raggiungere chissà quale vetta con un ampli da 100000 € e diffusori da 100000 € beh in questo caso chessò magico, e de agostino....beh vai a sentire devore, harbeth magneplanar con il loro ampli, chessò
luxman.
dove sta la differenza?
Che ti hanno munto come una mucca, per non parlare di quello che compra tutto autocostruito, poi modificato da scienziati.
sappi che se suona e ti piace deve avere un prezzo adeguato ai componenti e materiali usati, non al suono, che altrimenti non lo vorresti manco aggratis.
cerca sempre di riascoltare a casa se puoi...chiedi, confronta con ciò che hai.
magari tua moglie o i tuoi figli ti stroncano il tuo progetto, o l’ampli è troppo grande o pesante..
non comperare mai casse più grosse della stanza, o troppo piccole.
Ricontrolla sempre il punto di ascolto.
Non comperare ampli a valvole, si compra meglio a transistor oggi.
e perchè io li ho?
perchè ho sbagliato, suonano meglio però tu non seguire che non è più finita, valvole ...una spesa, anche di enel.
se ascolti bene vi sono dei bellissimi ampli a transistor...


31/05/2019, 22:06
Profilo

Iscritto il: 18/05/2019, 15:34
Messaggi: 586
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
A questo punto devi pensare a completare il sistema.
supponiamo cd player....o giradischi...o liquida
e te lo ascolti in santa pace.
non tornare più in negozio.
lascia passare anni e decenni.
non leggere più riviste, ignora.
vi sono dischi buoni e dischi meno buoni, incisioni migliori di altre, ma se vuoi ascoltare chessò la voce della callas
devi adattarti, se preferisci quella della magoni puoi anche andare ai concerti.
insomma lo stereo è il tuo strumento di riproduzione...una specie di macchina fotografica.
per bella che sia la realtà è migliore ma non sempre disponibile.

considera che è meglio avere uno stereo magari meno bello ma essere andato a quella tournè, a quell’auditorio
che andare in giro a farsi un impiantone e stare sempre in casa.

Considera anche che andare in giro a registrarsi la musica è una cosa creativa.
forse la qualità non sarà eccelsa, ma è un ricordo.

considera che molte musiche e concerti li si ascolta in youtube,.. c’è anche il video.

insomma spero di non averti fatto spendere di più.

buoni ascolti


31/05/2019, 22:24
Profilo

Iscritto il: 24/04/2019, 16:28
Messaggi: 180
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
Perdonami ma non leggerò tutto e dirò comunque la mia :twisted:

Un qualsiasi amplificatore integrato dagli anni '90 in poi con 50-60 W per canale tirati fuori nella maniera tradizionale (niente integratoni STK) si porta a casa con 50-60 euro e un po' di pazienza nel trovare/aspettare l'occasione giusta.

Sulle prese dietro si inserisce un alimentatore da cellulare che avanza (purché da almeno 2A, meglio se 2.4) e ci si attacca un Raspberry Pi (35 euro) con sopra una schedina DAC (meno di 20 euro da Aliexpress), installato Moode o Volumio.

La sera tornate a casa e accendete l'amplificatore, quello fa partire il RPi e lo streamer è pronto. Che la vostra musica sia su NAS, chiavetta USB, streaming, webradio, YouTube... siete coperti.

Se siete fissati con le prestazioni oggettive, un DAC essenziale USB con risposta a prova di strumentazione costa non più di 100 euro (vedasi Khadas Tone Board e Topping vari).

Se non trovate il vostro bell'amplificatore su subito.it, con meno di 25 euro dalla Cina si porta a casa un microbo in classe D con tanto di alimentatore e cavetterie in grado di darvi almeno una trentina di watt decenti per canale. Non avrà la solidità e la versatilità di un integrato dignitoso, ma l'effetto "sorpresa" di sentir suonare un giocattolino così piccolo ve lo farà apprezzare pure di più (considerazione ironica ma nemmeno troppo).

Ovviamente il punto critico rimangono diffusori e ambiente, ma lì ognuno deve farsi bastare ciò che ha e si può permettere (in termini pratici prima che economici).

Anche per i diffusori la ricetta, per quanto mi riguarda è subito.it -> parole chiave ben assestate -> ordina per prezzo. Iniziate con qualcosa di dignitoso ma di costo modesto, capite come funziona il vostro ambiente, poi se trovate l'occasione sfiziosa farete un upgrade.

P.S.: notate che serve un po' di pazienza ma considerato il budget che è comunque una frazione di quello che spendereste per comprare tutto nuovo "chiavi in mano" da Amazon potete permettervi di sperimentare e di pure di sbagliare qualche scelta al primo colpo.


Ultima modifica di Interference il 03/06/2019, 21:41, modificato 1 volta in totale.



03/06/2019, 21:27
Profilo

Iscritto il: 24/04/2019, 16:28
Messaggi: 180
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
Forse e dico forse una strada con miglior resa complessiva ma un po' meno plug-and-play è quella full active basata su un paio di (home) studio monitor ed eventuale subwoofer. Le oramai famose Behringer TRUTH sono molto celebri in questo senso, ma potete sbizzarrirvi: le Presonus Eris con il woofer blu sono assai accattivanti, le Adam un po' bruttine ma di livello in teoria superiore.

Vantaggi: biamplificazione attiva, con tutto quello che ne consegue; risposta in ambiente regolabile.

Svantaggi: per il "centro nevralgico" dell'impianto non sarà più un qualsiasi amplificatore, ma deve essere una sorgente scelta con un po' più di attenzione (DAC/pre con uscite bilanciate e controllo volume, rischia di essere costosa e non te le tirano dietro come per gli integrati). Poi ogni cassa necessita di un cavo di alimentazione tripolare, quelli in dotazione saranno corti e molto plasticosi/rigidi quindi vi toccherà farveli a mano con cavo da prolunga (ma con l'occasione ci potete mettere la calzina intorno per farli sembrare cavi audiophile ;) )


03/06/2019, 21:38
Profilo

Iscritto il: 24/04/2019, 16:28
Messaggi: 180
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
Ultimo consiglio: non perdete tempo ad ascoltare le elettroniche, comprate cose dignitose (produttori affermati, non inseguite i marchi un po' più "chic" da audiofili che spesso sono gli stessi che si fanno pagare di più per standard ingegneristici ed industriali inferiori) e dimenticatevene. La sola cosa che vale la pena ascoltare sono i diffusori e la loro interazione con l'ambiente (non lo ripeteremo mai abbastanza).


03/06/2019, 21:43
Profilo

Iscritto il: 18/05/2019, 15:34
Messaggi: 586
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
Ora esiste più di un modo per scroccare musica e anche per sentirla decentemente, in pieno stile economic, certo...
...cuffie, ...telefonino...tablet...ipod vari...
ma anche la tv e un chromecast+ tablet...se poi colleghi qualcosa tipo sound bar....o qualche diffusorino...
ma anche quei cubi da 35 euro che via bluetooth permettono di riprodurre la musica mentre fai una grigliata, oppure in
gita...
Sorgenti semplici, anche la chiavetta usb lo è, youtube se hai una connessione internet è comoda.

se uno vuole modernizzare il suo impianto stereo esistono dei moduli wifi +dac o forse senza dac si prestano a
farti sentire il tablet...non me ne intendo...lascio la cosa a chi sa..


06/06/2019, 19:46
Profilo

Iscritto il: 24/04/2019, 16:28
Messaggi: 180
Rispondi citando
Messaggio Re: Le scorciatoie per non buttare soldi
Svarione ha scritto:
Ora esiste più di un modo per scroccare musica e anche per sentirla decentemente, in pieno stile economic, certo...
...cuffie, ...telefonino...tablet...ipod vari...
ma anche la tv e un chromecast+ tablet...se poi colleghi qualcosa tipo sound bar....o qualche diffusorino...
ma anche quei cubi da 35 euro che via bluetooth permettono di riprodurre la musica mentre fai una grigliata, oppure in
gita...
Sorgenti semplici, anche la chiavetta usb lo è, youtube se hai una connessione internet è comoda.

se uno vuole modernizzare il suo impianto stereo esistono dei moduli wifi +dac o forse senza dac si prestano a
farti sentire il tablet...non me ne intendo...lascio la cosa a chi sa..


I modi ci sono, combinare le cose per avere il miglior rapporto qualità prezzo non è sempre ovvio.

Il vantaggio del Raspberry Pi è che a differenza di qualsiasi streamer integrato sarà sempre aggiornabile, e può rendere "smart" qualsiasi catena hi-fi.

Ho provato uno scatolotto BT per stanze secondarie, per ora il risultato non è stato entusiasmante. Non pretendo un suono "completo" ma almeno non "fastidioso"... per ora non ci siamo ma magari è il mio dispositivo (è un Philips che ho scelto per le dimensioni "medie" che non sembrano dare gran beneficio).

YouTube sta diventando una risorsa sempre più interessante: la quantità di istituti di musica e orchestre che pubblicano registrazioni di concerti ad alta qualità è davvero notevole, si fa fatica a starci dietro. Non sarà lossless ma chissenefrega. (Lasciando da parte tutta la funzione di "archivio" per cose semisconosciute che sfuggono al mercato e talvolta pure al file sharing).


07/06/2019, 10:08
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi


LA VOSTRA VOCE SENZA INTERFERENZE
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware. Hosted by MondoWeb