Oggi è il 18/06/2018, 5:59



Rispondi all’argomento  [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
 I "difetti" del DRC. 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 26/11/2016, 9:12
Messaggi: 366
Località: Milano
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
Dirac Live, come già detto, implementa delle condizioni di misura ed utilizzo che mettono al riparo da errori grossolani e forniscono un risultato sicuro e efficace mentre DRC free richiede comprensione delle basi di acustica e del funzionamento dell'algoritmo, attenzione alla scelta dei componenti dell'impianto adatti all'utilizzo dei filtri, capacità di interpretare i grafici delle misure e un bel po' di pazienza. Per me non sono difetti, anzi DRC è eccellente dal punto di vista didattico perchè ti costringe a imparare, ma per molti potrebbero esserlo.
Per contro il risultato combinato dell'utilizzo dei filtri e delle competenze acquisite aiutano parecchio a risparmiare soldi, ad acquisire consapevolezza di quali sono i reali problemi, a scegliere le contromisure giuste e a capire fino dove sono applicabili stanti i vincoli che si hanno.

_________________
In questo universo ogni oggetto ordinale o è una banana o non è una banana.

Ciao. Fabio


12/03/2018, 10:18
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 05/12/2016, 19:16
Messaggi: 28
Località: Siena
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
Nel mio caso, diffusori monovia a tromba , devo sempre stare molto attento alla misurazione della parte alta dello spettro, se sposto il microfono di un centimetro rilevo buchi nelle alte frequenze, a mio avviso drc dovrebbe consentire di escludere la correzione sopra determinate frequenze


13/03/2018, 13:17
Profilo
Amministratore del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/11/2016, 13:37
Messaggi: 3343
Località: Agrigento
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
malcox ha scritto:
Nel mio caso, diffusori monovia a tromba , devo sempre stare molto attento alla misurazione della parte alta dello spettro, se sposto il microfono di un centimetro rilevo buchi nelle alte frequenze, a mio avviso drc dovrebbe consentire di escludere la correzione sopra determinate frequenze

Con diffusori particolarmente direttivi conviene puntare il microfono verso il diffusore, quindi ripetere simmetricamente sull'altro.
Se si punta verso il centro tra i due diffusori, si manifesta il fenomeno di cui parli.

_________________
saluti, Tom


13/03/2018, 14:33
Profilo

Iscritto il: 30/11/2016, 0:39
Messaggi: 217
Località: Bergamo
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
malcox ha scritto:
Nel mio caso, diffusori monovia a tromba , devo sempre stare molto attento alla misurazione della parte alta dello spettro, se sposto il microfono di un centimetro rilevo buchi nelle alte frequenze, a mio avviso drc dovrebbe consentire di escludere la correzione sopra determinate frequenze


Chi sceglie questo particolare tipo di diffusore vuole un determinato suono. Equalizzarlo non ha senso. Sono proprio i picchi ed i buchi che ti sono piaciuti, in particolare in gamma media e medio alta. Spianarli significa mortificarli. Per me non ha senso. Se vuoi altro cambia diffusori. Spero tu sia d'accordo. Ci sono passato, per pura curiosità, alla fine resta sempre l'amaro in bocca. A volte giova mettere un tw tagliato blandamente molto in alto.


13/03/2018, 14:43
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 05/12/2016, 19:16
Messaggi: 28
Località: Siena
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
TomCapraro ha scritto:
malcox ha scritto:
Nel mio caso, diffusori monovia a tromba , devo sempre stare molto attento alla misurazione della parte alta dello spettro, se sposto il microfono di un centimetro rilevo buchi nelle alte frequenze, a mio avviso drc dovrebbe consentire di escludere la correzione sopra determinate frequenze

Con diffusori particolarmente direttivi conviene puntare il microfono verso il diffusore, quindi ripetere simmetricamente sull'altro.
Se si punta verso il centro tra i due diffusori, si manifesta il fenomeno di cui parli.


Si tom faccio sempre così puntando il microfono verso ogni singolo diffusore, ma poiché è in monovia potrei benissimo fare a meno della correzione del drc da 8000 hz in su , a quelle frequenze mi pare che possa fare poco , mentre invece è probabile che possa fare danno. Nel mio caso preferirei impostare la fascia di frequenze da correggere.
Pensavo di fare un sweep da 20 hz ad 8000 hz e darlo in pasto a drc.
Che ne pensate?


13/03/2018, 19:32
Profilo
Amministratore del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/11/2016, 13:37
Messaggi: 3343
Località: Agrigento
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
malcox ha scritto:
Pensavo di fare un sweep da 20 hz ad 8000 hz e darlo in pasto a drc.
Che ne pensate?

No, il drc non elabora sweep parziali, semmai acquisisci uno sweep integrale e poi riduci al minimo la Window Exponent in modo che possa limitare la banda corretta alle alte frequenze.
Se la imposti a 0,7 dovresti ottenere quelli che desideri.

_________________
saluti, Tom


13/03/2018, 20:52
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 05/12/2016, 19:16
Messaggi: 28
Località: Siena
Rispondi citando
Messaggio Re: I "difetti" del DRC.
Proverò grazie


14/03/2018, 20:25
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi


LA VOSTRA VOCE SENZA INTERFERENZE
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware. Hosted by MondoWeb