DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.(cc)

ho questo problema...questa è la soluzione
DRC, equalizzazione attiva e passiva
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
Flavio
Messaggi: 498
Iscritto il: 14/12/2016, 17:07
Contatta:

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#71 Messaggio da Flavio » 24/02/2018, 18:53

gianventu ha scritto:Mi pare di capire quindi che perché un DRC funzioni al meglio, i diffusori dovrebbero essere posizionati più vicino alla parete di fondo. Ma questo vale anche per gli elettrostatici? Io utilizzo Dirac e ho fatto misurazioni e filtri mantenendo i diffusori nella stessa posizione (pannello a circa 110 cm dalla parete di fondo) in cui li ho sempre tenuti. Dovrei provare a spostarli e rimisurare? Per l’esattezza sono elettrostatici ibridi.
I pannelli elettrostatici hanno riflessioni posteriori che tipicamente rimbalzano su più pareti al contrario della radiazione diretta dalla parte frontale del pannello.
(il percorso è più lungo, il livello viene attenuato e le multiple direzioni creano risposte diverse in punti diversi)
Nel caso specifico di Dirac Live le nove misurazioni permettono di identificare questa diversità in funzione della posizione e queste riflessioni che sono ritardate NON vengono corrette, questa risulta essere la soluzione corretta da un punto di vista psicoacustico.

In poche parole con Dirac Live dovresti ottenere ottimi risultati senza dover avvicinare i diffusori :)
Flavio
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#72 Messaggio da TomCapraro » 24/02/2018, 19:22

Flavio ha scritto: I pannelli elettrostatici hanno riflessioni posteriori che tipicamente rimbalzano su più pareti al contrario della radiazione diretta dalla parte frontale del pannello.
(il percorso è più lungo, il livello viene attenuato e le multiple direzioni creano risposte diverse in punti diversi)
Nel caso specifico di Dirac Live le nove misurazioni permettono di identificare questa diversità in funzione della posizione e queste riflessioni che sono ritardate NON vengono corrette, questa risulta essere la soluzione corretta da un punto di vista psicoacustico.

In poche parole con Dirac Live dovresti ottenere ottimi risultati senza dover avvicinare i diffusori :)
Flavio
Credo anch'io che, in questo caso, Dirac Live si presti meglio.
saluti, Tom

Avatar utente
il Carletto
Messaggi: 419
Iscritto il: 05/12/2016, 14:43
Il mio Impianto: Sorgente:Roon + HQPlayer, Mac Mini 2014, Allo Usbridge Signature
Dac/Pre: Rme Adi-2 Dac
Finali: Mc2 S1400
Diffusori: PMC IB1S, Wilson Sophia II, M-Audio DSM1 nearfield active monitor
Trattamento acustico Passivo: Rpg Diffractal, Vicoustic, Oudimmo, Masacoustics
Trattamento acustico attivo: DRC
Località: Firenze

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#73 Messaggio da il Carletto » 25/02/2018, 9:21

Nella mia casa precedente, prima delle Wilson avevo delle Martin Logan Ascent, la cui parte bassa si interfacciava molto male con l’ambiente, nel quale ero anche costretto ad un posizionamento obbligato.
Con Dirac ho risolto egregiamente il problema alle basse frequenze, senza influenzare la splendida resa alle medioalte del pannello elettrostatico.
Carlo da Firenze

Avatar utente
TeoMarini
Messaggi: 764
Iscritto il: 25/01/2017, 16:16
Località: Roma

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#74 Messaggio da TeoMarini » 25/02/2018, 10:04

il Carletto ha scritto:Nella mia casa precedente, prima delle Wilson avevo delle Martin Logan Ascent, la cui parte bassa si interfacciava molto male con l’ambiente, nel quale ero anche costretto ad un posizionamento obbligato.
Con Dirac ho risolto egregiamente il problema alle basse frequenze, senza influenzare la splendida resa alle medioalte del pannello elettrostatico.
Sei intervenuto solo sulle frequenze basse? In caso affermativo, fino a quale frequenza?
:)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#75 Messaggio da TomCapraro » 25/02/2018, 10:29

il Carletto ha scritto:Nella mia casa precedente, prima delle Wilson avevo delle Martin Logan Ascent, la cui parte bassa si interfacciava molto male con l’ambiente, nel quale ero anche costretto ad un posizionamento obbligato.
Con Dirac ho risolto egregiamente il problema alle basse frequenze, senza influenzare la splendida resa alle medioalte del pannello elettrostatico.
Semplicemente accorciando il campo d'intervento nella finestra relativa allo spettro impiegabile.
Visto ? ogni situazione è a se stante e basta un po di applicazione per risolvere caso x caso. ;)
saluti, Tom

Avatar utente
gianventu
Messaggi: 24
Iscritto il: 28/12/2016, 23:04

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#76 Messaggio da gianventu » 25/02/2018, 12:09

Grazie Flavio e grazie Tom.
Ho capito, e con sollievo, che mi conviene lasciare tutto com'e' e non imbarcarmi in perigliose avventure...

Avatar utente
virman71
Messaggi: 368
Iscritto il: 27/11/2016, 17:19
Il mio Impianto: Diffusori Cerwin Vega xls15----Triamplificazione attiva composta da Finale Crown mod.2502 sui wf,2 Crown mod 1502 rispettivamente su mid e tw,crossovering digitale tramite JRiver,scheda audio E-MU 1820

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#77 Messaggio da virman71 » 25/02/2018, 19:10

TomCapraro ha scritto:
il Carletto ha scritto:Nella mia casa precedente, prima delle Wilson avevo delle Martin Logan Ascent, la cui parte bassa si interfacciava molto male con l’ambiente, nel quale ero anche costretto ad un posizionamento obbligato.
Con Dirac ho risolto egregiamente il problema alle basse frequenze, senza influenzare la splendida resa alle medioalte del pannello elettrostatico.
Semplicemente accorciando il campo d'intervento nella finestra relativa allo spettro impiegabile.
Visto ? ogni situazione è a se stante e basta un po di applicazione per risolvere caso x caso. ;)
Tom,cosa intendi di preciso?
Il settaggio della finestratura Windows Exponent?

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#78 Messaggio da TomCapraro » 25/02/2018, 19:47

virman71 ha scritto: Tom,cosa intendi di preciso?
Il settaggio della finestratura Windows Exponent?
Si, ma c'è una sostanziale differenza tra il DRC e il Dirac Live.
Il primo accorcia il campo d'intervento in frequenza, ma lo fa "spalmando" la correzione in modo progressivo (non la toglie del tutto e rimane sempre una componente a fase minima oltre una certa frequenza)
Dirac Live invece "stoppa" drasticamente la correzione nel punto in cui decide l'utente.
Quando confrontai il DRC con Dirac Live effettuai anche delle misure stoppando la correzione entro la frequenza di Schroeder del mio locale.
Debbo riconoscere però che, sebbene in molti casi è utilissima, da me si formò una sorta di "effetto scalino", ovvero sembrava come se ci fosse un punto in cui si avvertiva il passaggio tra correzione e non.
Questo dipende comunque dal tipo di diffusore e locale.
saluti, Tom

Avatar utente
virman71
Messaggi: 368
Iscritto il: 27/11/2016, 17:19
Il mio Impianto: Diffusori Cerwin Vega xls15----Triamplificazione attiva composta da Finale Crown mod.2502 sui wf,2 Crown mod 1502 rispettivamente su mid e tw,crossovering digitale tramite JRiver,scheda audio E-MU 1820

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#79 Messaggio da virman71 » 25/02/2018, 20:53

che valore si può impostare per avere una correzione spostataverso le basse frequenze?
Io di solito uso 0.9

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: DRC: buchi in frequenza, vantaggi e svantaggi.

#80 Messaggio da TomCapraro » 25/02/2018, 22:30

virman71 ha scritto:che valore si può impostare per avere una correzione spostataverso le basse frequenze?
Io di solito uso 0.9
Ed è un buon valore.
Potresti anche scendere a 0.8, abbasseresti un altro centinaio di hz...ma è poco, e molto dipende dalle misure.
Se una stanza avesse un certo assorbimento si potrebbe anche scendere al limite della frequenza di Schroeder (valore impostato 0.7) in modo da circoscrivere frequenza e intervento temporale entro una manciata di millisecondi.
Tutte cose da progettare in base al responso acustico.

Interessante osservare il diagramma.

Immagine
saluti, Tom

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite