È morto il papà del compact disc

tutto quello che non è Audio
Regole del forum
Va bene Off Topic ma non esageriamo. Asteniamoci dalla politica
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6939
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

È morto il papà del compact disc

#1 Messaggio da TomCapraro » 13/12/2017, 13:29

Giappone, è morto Heitaro Nakajima: il padre del compact disc
All'età di 96 anni è morto in Giappone Heitaro Nakajima, l'uomo che inventò il compact disc. Lo riferiscono i media locali precisando che il decesso è avvenuto il 9 dicembre. Pioniere del suono digitale, negli anni '70 Nakajima fu il capo del progetto compact disc della Sony che nel 1982 portò al lancio del disco ottico e del lettore cd. Divenne poi presidente della Aiwa nel 1984.
Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria elettrica nel 1944, Nakajima entrò nell'azienda di comunicazione giapponese NHK diventando il direttore generale della divisione di ricerca acustica. Nel 1971 iniziò la sua avventura presso la Sony Corporation e qui svolse simultaneamente attività di ricerca e di business. A partire dal 1975 fu messo a capo dello sperimentale progetto compact disc.

Nel 1979 arrivò la svolta quando venne creata una joint venture tra Philips e Sony per la creazione del disco ottico. Nel 1982 venne messo in commercio il primo cd musicale, la "Sinfonia delle Alpi" di Richard Strauss diretta da Herbert Von Karajan con la Berliner Philharmoniker mentre il primo ottobre di quell'anno venne commercializzato in Giappone anche il primo lettore cd.
saluti, Tom

Avatar utente
sibry
Messaggi: 470
Iscritto il: 28/11/2016, 8:23
Il mio Impianto: Musical Fidelity Nu Vista M3
Yamaha CD-S3000
Labtek Hi End
Audiosonica "Stonefly"
Ruark Talisman ||
Sonus Faber Parva FM4
Solid Steel
filtro Black Noise Extreme
Van Den Hul: The First
Systems and Magic: Gold Wire
ViaBlue: SC4
Soundcare Superspikes
Località: provincia di VR

Re: È morto il papà del compact disc

#2 Messaggio da sibry » 13/12/2017, 14:16

il CD, come lo conosciamo noi, è frutto di una collaborazione Sony/Philips.
Sony non aveva il know how, Philips non aveva abbastanza soldi.
Ma ciò che ha convinto Philips e Sony a collaborare insieme, era l'andazzo delle tecnologie dei Videoregistratori.
Sony aveva VHS, Philips il "Betamax."... questi due erano i formati più "commerciali".
VHS comodo, Betamax migliore.
Il colpo di Sony era.... accordarsi con i produttori di Film (Hollywood, in parole povere...) e creare / vendere i film "originiali" nel loro formato VHS.
Mentre il Betamax veniva usato prevalentemente per registrare, il VHS veniva usato per vedere i film (noleggio, vendita) direttamente a casa.
Sappiamo come è andato a finire: chi, a suo tempo, comprava un registratore Betamax, che NON poteva "leggere" i film originali (non ce n'erano in formato Betamax), mentre il VHS lo poteva fare e poteva ANCHE registrare?

Philips ha ben imparato la lezione. nonostante la loro tecnologia superiore si sono trovati con una tecnologia inutile e invendibile.

Il CD in quei tempi veniva "inventato/sviluppato" sia da Philips che da Sony, ma la tecnologia Philips era molto migliore, e...
Già si erano accordati con molte case discografiche.
Per come lo conosciamo noi, al giorno d'oggi, ill ben amato dischetto argentato, più che i Giapponesi (Heitaro Nakajima) della Sony bisogna ringraziare (si fa per dire) gli Olandesi della Philips.
Una delle poche concessioni che Philips ha dovuto fare era la durata del CD: Philips arrivava al massimo a 60 minuti (il CD aveva un diametro di 11,3cm).
Sony però voleva 74 minuti (così ci sta tutta la "9" di Beethoven).
Per questo motivo era, quindi, necessario aumentare di qualcosa: ecco perchè il CD è di 12 cm.

Spiacente per la morte di questo inventore 94enne, ma... no... non è stato lui a inventare il CD.
Più che altro gli va attribuito una certa lungimiranza della durata: i 74 minuti li dobbiamo a lui...
il CD vero e proprio è stato inventato dall' Ing. Kees Schouhamer.

https://www.hifi.nl/artikel/7248/Een-po ... mmink.html

Avatar utente
MAXXI
Messaggi: 389
Iscritto il: 06/12/2016, 19:31
Il mio Impianto: Audio HIFI : Nad M5 , Pioneer PD-D9 MKII , Cocktail Audio X12 , UNICO SE , OPERA Quinta 2006 special edition , cavi segnale : Purist Audio Maximus , VDH The Valley , VDH the Source , cavi potenza VDH 122D + VDH 352 D, cavi di alimentazione e distributore autocostruiti. Cuffie : Shure SRH 940 , Sony MDR-CD780 amplicuffia Pro-ject Headbox SE

Audio-Video 2canali : Sharp Quattron 40" , Oppo 105 EU , Nad 325 , B&W LM1 , segnale VDH 102MKIII , potenza Thender , PS3 slim, PS4 slim , cuffia Beyerdynamic DTX910
Località: ROMA

Re: È morto il papà del compact disc

#3 Messaggio da MAXXI » 17/12/2017, 20:12

Poi alla fine hanno superato anche i 74 minuti con gli 80 minuti del CDAudio registrabile ma anche con dei commerciali che sono arrivati ai 78-79. ne ho qualcuno e suonano benissimo. Beh, la ricerca è sempre in movimento......

Avatar utente
sibry
Messaggi: 470
Iscritto il: 28/11/2016, 8:23
Il mio Impianto: Musical Fidelity Nu Vista M3
Yamaha CD-S3000
Labtek Hi End
Audiosonica "Stonefly"
Ruark Talisman ||
Sonus Faber Parva FM4
Solid Steel
filtro Black Noise Extreme
Van Den Hul: The First
Systems and Magic: Gold Wire
ViaBlue: SC4
Soundcare Superspikes
Località: provincia di VR

Re: È morto il papà del compact disc

#4 Messaggio da sibry » 18/12/2017, 7:56

si, certo.
Poi sono riusciti a infilare, nello stesso CD di 12 cm, anche più di 80 minuti.
ma non fu necessario aumentare la dimensione fisica (e meno male!!!) che era e rimane di 120 mm...

Svarione
Messaggi: 748
Iscritto il: 18/05/2019, 16:34
Il mio Impianto: K.heresy,audion silver night 300b,cdi naim
In estate causa calore valvole preferisco un ampli rega brio, e systemdek
Iix con testina wos 100

Re: È morto il papà del compact disc

#5 Messaggio da Svarione » 17/06/2019, 20:25

L’inventore del cd..mmhhh

“Forse non tutti sanno che l'inventore del CD (Compact Disc)
fu James T. Russell, un musicofilo frustrato dal degrado
dei suoi amati long playing, che nel 1965
decise di utilizzare la luce laser per registrare
e leggere digitalmente la musica.

Egli ottenne 22 brevetti in questo campo,
ma la Battelle, l'istituto di ricerca per cui Russell lavorava,
impiegò molti anni per convincere i produttori americani
della bontà del prodotto, che infatti entrò in commercio
solo nel 1979, dopo che essa aveva ceduto
ai due colossi dell'elettronica, l'olandese Philips
e la giapponese Sony, la licenza per sfruttare i brevetti di Russell.”
Fonte http://web.tiscali.it/ilnuovomondo/inventorecd.html

https://en.m.wikipedia.org/wiki/James_R ... (inventor)

E se non gli portiamo sfiga sta vivo e vegeto.
E qui la storia:
https://en.m.wikipedia.org/wiki/Compact_disc

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite