Occhio al dettaglio ! (HiRes)...e ai paradossi...!!!

Affermazioni da non dimenticare. Più che postare commenti postate le affermazioni di FC che vi hanno colpito.
Regole del forum
Niente insulti e parolacce. A quelle ci pensa già il Sig. Fabrizio Calabrese.
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Occhio al dettaglio ! (HiRes)...e ai paradossi...!!!

#1 Messaggio da TomCapraro » 03/05/2020, 22:14

http://www.hifi-forumlibero.it/phpBB3/v ... f=5&t=8939

Anche in questo caso, non solo si generalizza (per tanti motivi**) ma si fa un grande paradosso.

A quanto pare calabrese sostiene il fatto che l'alta risoluzione non produca differenze udibili se confrontata con il corrispettivo formato CD. (o files a 16/44.1khz)

**E' vero, è pressochè impossibile rilevare differenze udibili ma...questo vale per le registrazioni compresse, ovvero: quelle con un livello di potenza RMS minimo attorno i -35dB/-40dB (ancor peggio se il livello è piu elevato)
Il livello di picco minimo potrebbe toccare anche i -50dB, ma non ci sono i naturali tempi d'integrazione per poterli percepire, quindi vale la potenza RMS minima del segnale.

Dunque tutta la musica POP, Rock, e tutta la musica il cui fattore di cresta è basso rientra in questa categoria, categoria che permetterebbe perfino la scarsa udibilità se confrontate con un estratto in Mp3 a 320kb/sec.

Se calabrese ascolta il solito "The Wall" o i Toto non corre alcun rischio, andrebbero bene anche in MP3 a 320kb/sec.

"Se" però si cambiasse genere, e "se" si scegliessero opportune registrazioni (ce ne sono tantissime...ma proprio tante) la cui potenza minima del segnale RMS raggiunge i -50dB/-65dB allora l'alta risoluzione ha un senso, e ancora di piu se si possiede un impianto con sufficiente dinamica la cui forbice tra il livello di potenza RMS minimo e il massimo livello di picco possa essere riprodotto.

Non è poi cosi difficile, 50dB nei pianissimi e 110dB di picco sono alla portata di moltissimi impianti, se poi il locale è molto silenzioso possiamo traslare l'intero headroom dinamico di 10dB piu basso, quindi 100dB di picco e 40dB di potenza minima RMS.

Un segnale a 16bit/44.1khz con livello -60dB distorce di circa lo 0,3%...mentre un segnale a 24bit (aldilà della sua frequenza di campionamento) distorce di circa lo 0,00047% ovvero 638 volte meno.

Un segnale a basso livello, riprodotto con sufficiente SPL, risulta essere più definito e dettagliato se contiene sufficienti passi di quantizzazione, e il 16bit per i segnali a basso livello non li ha.

Dunque l'alta risoluzione è una bufala ?...no...non lo è in determinate circostanze perchè ci sono le misure a confermarlo.

Possiamo al limite dire che l'alta risoluzione "non è per tutti" visto che conta il genere, la qualità della registrazione e le capacità elettroacustiche ed acustiche del setup di riproduzione.

Andiamo al paradosso (grande paradosso) calabrese dice di avvertire differenze NETTE tra un file riprodotto dal lettore CD e lo stesso dal computer.

A parte che bisogna stabilire con quale DAC viene convertito perchè il lettore CD ha un proprio D/A mentre al PC bisogna attaccarne un altro...per cui questa differenza potrebbe venire (in parte) da questo intrigo.

Il vero paradosso è attribuirle agli errori di lettura, ma non perchè non esista il fenomeno, ma per la stima della quantità di alterazione che verrebbe introdotta dal potenziale jitter...perchè di quello si parla, jitter periodico (alterazione del clock) + jitter casuale (introduzione del rumore dai circuiti tracking, error e focus)

Visto che calabrese non ha mai misurato (e non potrebbe) i valori in gioco relativi alle alterazioni da errori di lettura...se dovessimo paragonare le alterazioni nei segnali a basso livello tra un 16bit e un 24bit a confronto delle alterazioni da errori di lettura, beh...quest'ultimi sarebbero come il granello di sabbia da cercare nella spiaggia.

A questo punto "se" si sentono gli errori di lettura, il 24bit rispetto al 16bit è grosso come una mongolfiera.
saluti, Tom

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 6762
Iscritto il: 25/11/2016, 11:37
Località: Agrigento

Re: Occhio al dettaglio ! (HiRes)...e ai paradossi...!!!

#2 Messaggio da TomCapraro » 04/05/2020, 13:30

Immagine

:D :D wow...!!!

Il sensore vibra (ovvio) e attiva le correzioni degli errori.

Prima di spiegargli dettagliatamente cosa succederebbe, e visto che ha bellamente dichiarato che il jitter c'entra poco e nulla, desidererei che calabrese approfondisse il discorso legato alla correzione degli errori.

Punto primo = un lettore CD corregge SEMPRE gli errori sin dal momento in cui attiva la lettura.

Punto secondo = un lettore CD corregge più errori nel momento in cui viene sollecitato il gruppo di lettura se sottoposto a forti vibrazioni indotte.

calabrese sa che il Red-Book non prevede perdita di dati vero ? tutti i dati vengono corretti dal Red Salomon/interlaving.

Dunque se un CD player corregge TUTTI gli errori...da cosa scaturisce la differenza all'ascolto ?

Se calabrese non lo ha compreso bene gli facciamo un esempio migliore: un CD masterizzato (volendo anche male causa supporto organico scadente e velocità di scrittura elevata) provoca gli stessi (anche molti di più) errori, nonostante ciò senza essere torturato da vibrazioni indotte (terremoti ambientali da volume elevato e contenuto di basse frequenze).

E dunque abbiamo due casi analoghi:

1) errori corretti da vibrazioni indotte.

2) errori corretti da difficoltà di lettura su supporti masterizzati (male).

calabrese riesce a spiegare il perchè delle differenze udibili quando dalla uscita spdif escono gli stessi BIT ? (sia con funzionamento "tranquillo" sia con funzionamento "torturato").

Sicuro di una sua risposta argomentata ringrazio anticipatamente.
saluti, Tom

enne.effe
Messaggi: 126
Iscritto il: 08/01/2017, 9:22

Re: Occhio al dettaglio ! (HiRes)...e ai paradossi...!!!

#3 Messaggio da enne.effe » 04/05/2020, 15:52

Avrei una domandina facile facile per FC: e i CD, DAT e, più in generale, i DAC connessi ad un clock esterno, come si comportano? Tieni conto che per definizione vede essere implementato un memory buffer.

Ci sarebbe anche un’altra condizione: i lettori CD con memoria anti shock.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite