Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

Affermazioni da non dimenticare. Più che postare commenti postate le affermazioni di FC che vi hanno colpito.
Regole del forum
Niente insulti e parolacce. A quelle ci pensa già il Sig. Fabrizio Calabrese.
Messaggio
Autore

Interference
Messaggi: 346
Iscritto il: 24/04/2019, 17:28

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#2 Messaggio da Interference »

Il Traveling Wave Tube è, come suggerisce il nome, prima di tutto un tubo. Un tubo catodico.

Quindi non è una configurazione SE o PP, bensì un dispositivo termoionico che può essere usato come amplificatore. Ci si chiede cosa FC abbia capito...

Ma come funziona?

Il principio di amplificazione del TWT è interessante e si basa sull'amplificazione di un segnale da parte di un fascio di elettroni modulato dal segnale stesso per mezzo di un filo elicoidale. Il tutto all'interno di UN tubo a vuoto.

Secondo Fabrizio Calabrese un elevato numero di transistor (o valvole) che operano leggermente sfalsati temporalmente sarebbe proprio questa configurazione.

Qualche sospetto anche al più ignaro lettore dovrebbe venire :roll:

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7322
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#3 Messaggio da MarioBon »

Basta leggere Wikipedia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Travelling_wave_tube

Il prossimo link è ricco di figure che saranno utili al sig. Fabrizio Calabrese per cogliere la differenza tra il TWT ed altri tipi di amplificatori usati in campo audio. Le didascalie sono in italiano.

https://digilander.libero.it/i2viu/doc/twt.html

Cercando con google "amplificatore traveling wave tube" si ottengono 154000 risultati.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Interference
Messaggi: 346
Iscritto il: 24/04/2019, 17:28

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#4 Messaggio da Interference »

Chissà cosa intendeva per "proprio questa configurazione".

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7322
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#5 Messaggio da MarioBon »

Se non sa di cosa si tratta, come può aver simulato "proprio questa configurazione"?
Mi aspetto, nel Forum Libero, commenti entusiastici e la proposta di cordata per realizzare il nuovo velocissimo amplificatore.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7322
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#6 Messaggio da MarioBon »

A riprova dei noti problemi lessicali il sig. Fabrizio Calabrese ha cambiato l'immagine relativa al Traveling Wave Tube con questa:
Immagine
(un modo interessante per trasformare un dispositivo a fase minima in un dispositivo a fase mista).

Ha confuso TWT con TWA (che non sarebbe gravissimo) ma poi ha linkato l'immagine sbagliata (evidentemente senza leggere).

Non è questione di fare il capello in quattro...qui c'è il problema di individuare non un capello ma anche una trave.

Credevo non capisse le didascalie in inglese e invece mostra difficoltà anche con quelle in italiano. Forse era scritta troppo in grande. Forse ha travisato certi termini.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

carlochiarelli
Messaggi: 638
Iscritto il: 04/08/2018, 13:14
Il mio Impianto: Autocostruito

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#7 Messaggio da carlochiarelli »

Non ha capito un ( il ) tubo anche questa volta! FC è una certezza : non ne azzecca una!

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7322
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#8 Messaggio da MarioBon »

Restiamo in tema di amplificatori con questi due post:
Immagine

Abbiamo quindi una affermazione ("quando un ampli suona meglio, c'è SEMPRE un buon motivo tecnico... si può capire dallo studio dello schema elettrico...") e la sua prova contraria ("(L'S-150 MK II) nelle prove d'ascolto a confronto le ha sempre prese di santa ragione dal "fratello" E-800, nonostante lo schema dell'S-150 MK II sia sostanzialmente superiore a quello dell'E-800.")

L'eccezione che conferma la regola o mancato studio del circuito di alimentazione?
A meno che SEMPRE (scritto in maiuscolo) non significhi "spesso" o "quasi sempre" (scritto in minuscolo).
Anche in questo caso il sig. Fabrizio Calabrese usa le parole con leggerezza (per non tirare in ballo i soliti problemi lessicali).

Comunque nemmeno l'S-150 MK II è stabile su 2 Ohm.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Interference
Messaggi: 346
Iscritto il: 24/04/2019, 17:28

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#9 Messaggio da Interference »

MarioBon ha scritto: 21/07/2021, 17:55 A riprova dei noti problemi lessicali il sig. Fabrizio Calabrese ha cambiato l'immagine relativa al Traveling Wave Tube con questa:
Immagine
(un modo interessante per trasformare un dispositivo a fase minima in un dispositivo a fase mista).

Ha confuso TWT con TWA (che non sarebbe gravissimo) ma poi ha linkato l'immagine sbagliata (evidentemente senza leggere).

Non è questione di fare il capello in quattro...qui c'è il problema di individuare non un capello ma anche una trave.

Credevo non capisse le didascalie in inglese e invece mostra difficoltà anche con quelle in italiano. Forse era scritta troppo in grande. Forse ha travisato certi termini.
I TWA sembrano essere più noti come amplificatori distribuiti e sono documentati per applicazioni ad altissima frequenza (microonde).

L'idea - se ho capito bene - è quella di emulare un TWT con una cascata di stadi amplificatori lungo una linea di trasmissione.

La distribuzione dell'amplificazione su più componenti attivi permette, se ho capito bene, di evitare la concentrazione di capacità parassite che limiterebbero altrimenti la banda passante del sistema.

Dacché l'amplificatore deve incorporare una linea di trasmissione, è chiaro che non è un modello applicabile alla banda audio e nemmeno alla radiofrequenza al di sopra di una certa lunghezza d'onda.

L'articolo da cui è tratto lo schema (peraltro senza citarne l'autore, alla faccia del rispetto per la proprietà intellettuale tanto reclamato dal nostro) è piuttosto recente e tratta di tecnologie per microonde basate su semiconduttori molto avanzati.

Non è ancora dato sapere, quindi, cosa intendesse FC per "proprio questa configurazione".

Vedremo se emerge una nuova versione dei fatti.

Intanto abbiamo imparato qualcosa di nuovo ;)

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7322
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e il Traveling Wave Tube (da I "nostri" finali: parliamone...)

#10 Messaggio da MarioBon »

Leggiamo questo post:
Immagine

Ammesso che il testo faccia riferimento al lessico italiano, sembrerebbe che gli amplificatore E-800 abbinati al sistema Nessie non siano stati scelti per la qualità della riproduzione ma per il prezzo contenuto.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite