Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti)

Dedicato allo specifico "problema delle tre pareti" raccoglie i 3D presenti, passati e futuri.
Regole del forum
Niente insulti espliciti, a quelli ci pensa già il sig. Fabrizio Calabrese.
Messaggio
Autore
Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6445
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti)

#1 Messaggio da MarioBon » 11/02/2020, 16:25

Il sig. Fabrizio Calabrese è tornato sull'argomento, a lui caro, delle tre pareti.
http://www.hifi-forumlibero.it/phpBB3/v ... 1346a235d5
A parte che le condizioni di misura non sono ben specificate (per esempio le dimensioni del locale restano sempre poco definite) possiamo percorrere un0altra strada.
Con un piccolo sforzo si può scrivere un programma che ripete il calcolo fatto da Adams. Nella figura che segue si vede cosa calcola il programma ed il grafico di Adams che ha posto la sorgente in angolo ad un metro di distanza da ciascuna parete (posizione da tutti sconsigliata) e infatti si vede bel buco.
Immagine
a parte la scale delle ordinate, le due curve possono dirsi "uguali". Vediamo allora cosa succede usando lo stesso metodo di Adams ma spostando il diffusore in un'altra posizione:
Immagine
La curva nera è quella di Adams, quella rossa è relativa alla nuova posizione. Il buco è sparito anche se ci sono ancora delle ondulazioni.
Un trucco? No. Abbiamo quindi dimostrato, usando la stessa simulazione di Adams. che è possibile ottenere una risposta senza buchi anche con tre pareti. Se qualcuno vive in un ambiente con tre pareti soltanto me lo faccia sapere che gli mando il programma gratuitamente.
Il sig. Calabrese cita anche Allison. Allison distingue 3 situazione:
- la posizione della sorgente
- la posizione dell'ascoltatore
- la posizione della sorgente + la posizione dell'ascoltatore.
Quella che conta è sorgente+ascoltatore.
L'articolo lo potete leggere per intero comprese le conclusioni.
http://www.mariobon.com/Articoli_storic ... llison.pdf
Queste le conclusioni:
Immagine
proprio nelle ultime righe si legge:
"...possiamo aiutare i diffusori standard a fornire un suono migliore semplicemente stanto attenti a dove li mettiamo...".
Tanto per essere chiari i "diffusori standard" sono tutti quelli diversi dalle Allison One che vengono richiamate indirettamente dalla fras sottolineata.
Allison dice quello che si sente ripetere da sempre i diffusori ed il punto di ascolto vanno scelti in un certo modo. Al sig. Calabrese torna utile far credere che gli unici diffosori che "sonano" sono quelli che realizza lui stesso: non è così. E lasciamo pure da parte il DRC che il sig. Calabrese vede come il fumo negli occhi (e inveca funziona).
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Grisulea
Messaggi: 558
Iscritto il: 29/11/2016, 22:39
Località: Bergamo

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#2 Messaggio da Grisulea » 11/02/2020, 19:04

Che fenomeno, dopo aver smaronato mezzo mondo con un problema che non esiste ora vorrebbe prendersi il merito di spiegazioni che altri gli stanno suggerendo. Dopo aver detto peste e corna a me che gli ho contestato ed portato esempi chiari che le tre pareti sono una colassale ..... stellare, dopo avergli chiesto quali relazioni usasse per portare avanti la sua teoria se ne esce con quelle altrui senza averle capite. Si rilegga bene cosa dice Admas prima di citarlo. Dopo avergli fatto un sacco di domande a cui ovviamente non poteva risposndere (3ad di Rocco pag 21 ma anche un sacco di altre volte) perchè lo avrebbero sp............. a vita, ecco che beatamente scaravolta la frittata e fa comparire quello che c'è sempre stato, l'ascoltatore e la sua posizione rispetto alla sorgente ed alle pareti. Basta leggere gli insulti che mi diretto qualche giorno fa su cose di una logica tanto ovvia quanto ora da lui stesso confermata. Ci sono voluti anni ovviamente, dopo che hai smaronato mezzo mondo dover ammettere di essersi sbagliati non è facile ....... bisogna inventarsi "il merito". Certa gente non prova nemmeno vergogna.
Ultima modifica di Grisulea il 15/02/2020, 12:19, modificato 1 volta in totale.

Grisulea
Messaggi: 558
Iscritto il: 29/11/2016, 22:39
Località: Bergamo

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#3 Messaggio da Grisulea » 12/02/2020, 11:47

Caro mio, stai scaravoltando la frittata. Questa sera ti mostro il risultato della tua strampalata teoria. Son 10 anni che te lo dico. È tanto strampalata che anche nei casi in cui funziona è sfruttabile solo se equalizzata. In pratica da sola che funzioni è un caso rarissimo. Il concetto resta sempre quello, vedi distorsione, vedi rette intersecate, vedi tre pareti, vedi trombe bassi. Figlie tutte dello stesso errore. Una tua palesemente errata interpretazione delle misure in ambiente in gamma bassa.

carlochiarelli
Messaggi: 541
Iscritto il: 04/08/2018, 11:14
Il mio Impianto: Autocostruito

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#4 Messaggio da carlochiarelli » 12/02/2020, 12:19

Mario ha spiegato bene tutto, c'è poco da capire, basta fare una prova. Si mette una cassa on una posizione definita rispetto alle 3 pareti più vicine. Si calcola la risposta che deve risultare . Si misura la risposta reale ( deconvoluta con la risposta in campo anecoico equivalente) e si confronta con quella calcolata. Se sono diverse ( come di solito è) , il discorso delle 3 pareti è aria fritta.

Avatar utente
mario061
Messaggi: 771
Iscritto il: 02/12/2016, 16:46

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#5 Messaggio da mario061 » 12/02/2020, 12:27

Amen...
la gente piccola la riconosci subito, ti spiega quanto è grande...

carlochiarelli
Messaggi: 541
Iscritto il: 04/08/2018, 11:14
Il mio Impianto: Autocostruito

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#6 Messaggio da carlochiarelli » 12/02/2020, 12:33

R.I.P.

Grisulea
Messaggi: 558
Iscritto il: 29/11/2016, 22:39
Località: Bergamo

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#7 Messaggio da Grisulea » 12/02/2020, 12:35

carlochiarelli ha scritto:Mario ha spiegato bene tutto, c'è poco da capire, basta fare una prova. Si mette una cassa on una posizione definita rispetto alle 3 pareti più vicine. Si calcola la risposta che deve risultare . Si misura la risposta reale ( deconvoluta con la risposta in campo anecoico equivalente) e si confronta con quella calcolata. Se sono diverse ( come di solito è) , il discorso delle 3 pareti è aria fritta.
Lo è ma facciamo anche il disegnino.

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6445
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#8 Messaggio da MarioBon » 12/02/2020, 15:41

Non è finita. Nel 3D "Mario Bon chiede la mia beatificazione"
http://www.hifi-forumlibero.it/phpBB3/v ... bee1090434
il sig. Calabrese scrive:
Fabrizio Calabrese ha scritto:Ora Mario Bon aggiunge a queste prime tre coordinate anche quelle relative alla posizione dell'ascoltatore.
Il resto sono le solite farneticazioni che è inutile commentare.
Non mi avventuro da nessuna parte. Purtroppo per il sig. Calabrese il livello SPL nella posizione di ascolto viene simulato solo se c'è lo spunto (che non c'è) sulla opzione "SPL".

Immagine
La simulazione ripete il calcolo di Adams che il punto di ascolto manco lo cita.
O il sig. Calabrese pensa di conoscere il programma megliio di chi lo ha scritto? siamo al delirio di onniscienza.

Ora la questione sembra essersi spostata dalle "3 pareti" al fatto che i produttori non indicano la posizione dove collocare i diffusori. Per completezza un produttore dovrebbe indicare:
- la posizione dei diffusori,
- la posizione del punto di ascolto,
- la forma e le dimensioni dell'ambiente,
e magari anche il tipo, il numero e la disposizione dei mobili ed i coefficienti di fonoassorbimento delle superfici.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

carlochiarelli
Messaggi: 541
Iscritto il: 04/08/2018, 11:14
Il mio Impianto: Autocostruito

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#9 Messaggio da carlochiarelli » 13/02/2020, 18:53

A proposito nemmeno REW simula 3 pareti bensì una stanza rettangolare, quello di REW è un simulatore più utile. ( scusa Mario ma aspettati che FC tagli questo per dire la sua solita sequenza di fregnacce)
P.S. A me quelli che usano le faccine mi stanno un poco antipatici.

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6445
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e la spiegazione definitiva (3 pareti

#10 Messaggio da MarioBon » 14/02/2020, 14:46

Quella delle tre pareti è una analisi che ha un interesse puramente accademico legata al fatto che, in assenza di modi normali e con solo 8 sorgenti tra fisiche e virtuali, il calcolo è molto più semplice.
Gli aricoli di Adams e altri sono infatti datati.
Il fatto stesso che il DRC sia diventato uno strumento alla portata di molti (e dal costo limitato) sta ad indicare i progressi fatti in questo settore.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti