Fabrizio Calabrese. potenza acustica e SPL

Riportiamo qui le Perle dal contenuto antiscientifico e gli esempi di fisica custom più eclatanti
Regole del forum
Riportare i post scritti da Fabrizio Calabrese possibimete con lo screen shot del post stesso.
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6622
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Fabrizio Calabrese. potenza acustica e SPL

#1 Messaggio da MarioBon » 21/11/2020, 16:43

Ogni volta che il sig. Fabrizio Calabrese si avventura in una spiegazione tecnica finisce per confondere qualche cosa.
Qui spiega il significato di un grafico da lui stesso rilevato.

Immagine


La curva verde è il valore di pressione istantaneo espresso in dB. Per semplificare viene chiamato SPL anche se l'SPL sarebbe il valore efficace della pressione sonora (non il valore di picco). Entrambe si misurano in dB. Non è questo l'errore perchè quasi tutti parlano di SPL anche quando si tratta di pressione di picco.

L'errore è affermare che i valori riportati dalla curva verde
"Corrispondono al dato che si ricava moltiplicando la potenza dell'ampli per il rendimento dei diffusori."

per definizione "moltiplicando la potenza dell'ampli per il rendimento dei diffusori" si ottiene la potenza acustica erogata dai diffusori stessi e non il valore massimo di pressione. Questo direttamente dalla definizione di rendimento:

rendimento = (Potenza_acustica_ottenuta) / (Potenza_elettrica_impiegata) le ptenza si intendo attive.

Per ottenere l'SPL dalla potenza acustica si deve tenere conto della direttività della sorgente (attraverso l'indice o il fattore di direttività).
Per ottenere il valore di picco dall'SPL (che è un valore efficace) si deve conoscere il fattore di cresta del segnale. anche questo direttamenete dalla definizione di fattore di cresta

FC = (Valore_di_picco) / (Valore_efficace)

che si tratti di un valore di pressione, di tensione o altro la definizione non cambia.

In sostanza il sig. Fabrizio Calabrese, ancora una volta, confonde potenza acustica con, in questo caso, pressione di picco e dimostra di "non avere presente" la definizione di rendimento. E sono misure fatte da lui stesso che dovrebbe sapere almeno cosa sta misurando.

Per quanto riguarda i valori misurati non c'è nulla da dire se non che la pesatura A dovrebbe essere impiegata per valori SPL più bassi (non per nulla sono state definite le curve di pesatura B e C). In questo caso la pesatura A è indica per i primi 3 minuti mentre oltre sarebbero state più indicate le pesature B e C. Si può facilmente obiettare che non è facile cambiare "al volo" il filtro di pesatura: allora meglio non applicare alcuna pesatura così almeno si può calcolare il fattore di cresta (sugli intervalli di misura). Questo sarebbe un dato utile.

Ci sarebbe poi da discutere sulla opportunità di riprodurre quegli stessi livelli in ambiente domestico. Se la registrazione (perchè in casa alscoltiamo delle registrazioni) non è stata in alcun modo compressa, allora è plausibile richiedere 115 dB nel punto di ascolto.
Ma se la registrazione è stata compressa si deve riprodurre lo stesso SPL non lo stesso valore di picco.
In ogni modo l'indicazione che dava Renato Giussani riguardo la pressione massima nel punto di ascolto era di 113 dB che non è troppo distante da 115 ed è più che adeguata quando sia presente anche una minima compressione nella registrazione.

Come più volte dimostrato per ottenere 113 dB di picco a un paio di metri da una coppia di diffusori serve un ampli integrato da 100 Watt/8 Ohm per canale e dei diffusori con sensibilità di 89-90 dB (stanza da 56 metri cubi con T60=0.5 secondi).
In un ambiente più grande e a distanze maggiori serve evidentemente di più (o un ampli più potente o dei diffusori più sensibili).

Una ultima annotazione: una orchestra non è una sorgente omnidirezionale quindi 115 db a 15 metri non sono equivalenti a 138.5 dB a 1 metro o 126.5 a 4 metri.
Altra cosa: il fattore di cresta minimo dei programmi musicali registrati sta attorno a 3 (9.5 dB).
Un rumore rosa con fattore di cresta pari a 2 (6 dB) si usa per misurare la tenuta in potenza degli altoparlanti secondo lo standard AES e IEC.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
NomeUtente
Messaggi: 691
Iscritto il: 02/09/2019, 19:16

Re: Fabrizio Calabrese. potenza acustica e SPL

#2 Messaggio da NomeUtente » 21/11/2020, 17:28

Vedo che anche tu ne perdi assai di tempo sul forum del genio progettista :) :D
finto professionista che non ha coraggio di firmarsi con nome e cognome - anonimo & incompetente & nullita' - il peggiore di tutti - pataccaro difensore di pataccari - feccia maleodorante [cit. "il progettista VERO (since 1972)"]

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6622
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese. potenza acustica e SPL

#3 Messaggio da MarioBon » 23/11/2020, 15:55

ero incuriosito dal sub-sub....
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti