Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

...per non dimenticare i problemi lessicali di Calabrese che ha tradotto "sensibilità" con "efficienza" (e non solo...)
https://audioitalia.mondoforum.com/view ... =27&t=1450.
Regole del forum
"Dove sussistono problemi lessicali non è possibile formulare ragionamenti logici" (P.A.M. Kistanami). Niente insulti e parolacce. A quelle ci pensa già il Sig. Fabrizio Calabrese.
Messaggio
Autore
Avatar utente
superdeath1978
Messaggi: 504
Iscritto il: 08/01/2017, 12:47
Località: Orsogna (CH)

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#11 Messaggio da superdeath1978 »

Maurizio.Malagoli ha scritto: 03/01/2022, 19:38 In sostanza sono molto d'accordo con te. Secondo me se le misure di ASR non ci dicono se un prodotto è buono, ci dicono però se un prodotto è sicuramente non buono.
;) in parte sono d'accordo, comunque sia dovremmo vedere e stare attenti e basarci sull'ascolto, ci vuole tempo per capire un apparecchio ed a tutti è capitato quello con le misure migliori che suona peggio nel nostro impianto. siamo OT comunque Mario potrebbe spostarci
Marco Chiarini

Avatar utente
mario061
Messaggi: 1118
Iscritto il: 02/12/2016, 17:46

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#12 Messaggio da mario061 »

Io credo che chi sa progettare sappia correlare le misure a quello che poi ascolta, e usi le misure adatte allo scopo.

Mi sembra comunque che il post di apertura di Mario non riguardasse il sito in questione, ne la correlazione fra misure e ascolto.

Avatar utente
virman71
Messaggi: 581
Iscritto il: 27/11/2016, 18:19
Il mio Impianto: Diffusori Cerwin Vega xls15----Triamplificazione attiva composta da Finale Crown mod.2502 sui wf,2 Crown mod 1502 rispettivamente su mid e tw,crossovering digitale tramite JRiver,scheda audio E-MU 1820

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#13 Messaggio da virman71 »

superdeath1978 ha scritto: 03/01/2022, 19:33 Ho paura che sul sito Audio science tra poco arriverà un amplificatore da poche centinaia di euro con moduli ICE power e switching ed avrà una SINAD di 115 dB e tutto il mondo audiofilo finirà nell'oblio :o perchè gli audiofili ricchi non potranno più farsi i fighi con gli apparecchi costosi e gli audiofili poveri avranno un vero ammazza giganti :mrgreen: sarà la fine di un settore nessuno potrà dire hai problemi di amplificazione e vivremo tutti felici :roll: gli ampli a valvole saranno al pari di una stufa a pellet usata al massimo per il riscaldamento senza beneficio dei bonus energetici
Basta guardare il nuovo ampli Topping PA5,ha delle prestazioni impressionanti a 340 euro.... :)

Avatar utente
superdeath1978
Messaggi: 504
Iscritto il: 08/01/2017, 12:47
Località: Orsogna (CH)

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#14 Messaggio da superdeath1978 »

mario061 ha scritto: 03/01/2022, 20:32 Io credo che chi sa progettare sappia correlare le misure a quello che poi ascolta, e usi le misure adatte allo scopo.

Mi sembra comunque che il post di apertura di Mario non riguardasse il sito in questione, ne la correlazione fra misure e ascolto.
si ho combinato..... un casino potevamo essere spostati
Marco Chiarini

Avatar utente
superdeath1978
Messaggi: 504
Iscritto il: 08/01/2017, 12:47
Località: Orsogna (CH)

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#15 Messaggio da superdeath1978 »

virman71 ha scritto: 04/01/2022, 18:55
superdeath1978 ha scritto: 03/01/2022, 19:33 Ho paura che sul sito Audio science tra poco arriverà un amplificatore da poche centinaia di euro con moduli ICE power e switching ed avrà una SINAD di 115 dB e tutto il mondo audiofilo finirà nell'oblio :o perchè gli audiofili ricchi non potranno più farsi i fighi con gli apparecchi costosi e gli audiofili poveri avranno un vero ammazza giganti :mrgreen: sarà la fine di un settore nessuno potrà dire hai problemi di amplificazione e vivremo tutti felici :roll: gli ampli a valvole saranno al pari di una stufa a pellet usata al massimo per il riscaldamento senza beneficio dei bonus energetici
Basta guardare il nuovo ampli Topping PA5,ha delle prestazioni impressionanti a 340 euro.... :)
Interessante tra l'altro ce l'ha playstereo a Pescara vicino casa :ugeek:
Marco Chiarini

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 7310
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#16 Messaggio da TomCapraro »

ASR misura bene, ma come "altre riviste" non può fare altro che misurare ""al banco"".
Le misurazioni al banco, in regime controllato da laboratorio, non potranno fornire esattamente quello che poi accadrà nel reale contesto di funzionamento.
Ad esempio, una cosa è misurare un amplificatore con un carico resistivo stabile, ben altra cosa è misurarlo con il diffusore collegato in situazioni piu gravose. (come ben sappiamo il diffusore non si comporta come un carico resistivo, ha i suoi minimi d'impedenza, crea back EMF, ect...)
Le misure da laboratorio piu che altro ci dicono che l'apparecchio funziona bene, e tutto sommato ha una "base di prestazioni" potenzialmente affidabili.
Le misurazioni in loco (condizioni di reale funzionamento) invece forniscono dettagli molto piu precisi, tanto da poter azzardare come suonerà.
saluti, Tom

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 7802
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: molto variabile: Amplificatore Audio Analog, Diffusori autocostruiti, lettore CD autocostruito.
Località: Venezia
Contatta:

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#17 Messaggio da MarioBon »

Gli amplificatori, come tutti i dispositivi audio, andrebbero provati nelle effettive condizioni d'uso ovvero collegati a sistemi di altoparlanti reali.
Il problema è che l'impedenza dei diffusori è troppo variabile: si va dalle Scintilla (meno di un Ohm) alle Martin (Logan 47uF+0.5 Ohm) alla radiazione diretta (carico reattivo misto mare).
Non si può nemmeno essere certi che che un amplificatore con misure scarse su carico resistivo suoni poi "male" perchè potrebbe essere stato progettato per un carico specifico.
Tuttavia è molto probabile che un ampli che non misura bene su 2, 4 e 8 Ohm abbia dei problemi con sistemi di altoparlanti reali.
La distorsione non lineare è importante, meglio se misurata con segnali multitono, ma porrei più attenzione a come cambia la potenza al variare del carico e a come intervengono le protezioni (se ci sono).
Dubito che un solo numero possa caratterizzare un amplificatore (indipendentemente da come viene chiamato).
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
superdeath1978
Messaggi: 504
Iscritto il: 08/01/2017, 12:47
Località: Orsogna (CH)

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#18 Messaggio da superdeath1978 »

Grazie ad entrambi Mario e Tom, ma una domanda: non esiste una misurazione realistica tenendo conto dell'amplificatore collegato a dei diffusori "standard ?
Marco Chiarini

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 7310
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#19 Messaggio da TomCapraro »

superdeath1978 ha scritto: 05/01/2022, 11:02 Grazie ad entrambi Mario e Tom, ma una domanda: non esiste una misurazione realistica tenendo conto dell'amplificatore collegato a dei diffusori "standard ?
Si potrebbe perfettamente misurare il brano musicale con cui si effettuano le prove di ascolto.
Basta trasformare il brano in "multitono" affinchè emergano le distorsioni armoniche e d'intermodulazione al variare della potenza erogata/richiesta.
Anche la distorsione di forma si potrebbe valutare, che se "densa" implica una certa durezza all'ascolto.
Servono un buon analizzatore di spettro e un buon oscilloscopio.
p.s solitamente con la distorsione integrale emerge benissimo la componente non lineare (distorsione) e lo fa in forma maggiore (grazie al basso fattore di cresta) per cui se con la distorsione integrale emergesse un determinato valore di distorsione, poi, tramite i brani musicali, il valore risulterebbe minore.
saluti, Tom

Avatar utente
superdeath1978
Messaggi: 504
Iscritto il: 08/01/2017, 12:47
Località: Orsogna (CH)

Re: Fabrizio Calabrese e la distorsione con segnali multitono

#20 Messaggio da superdeath1978 »

TomCapraro ha scritto: 05/01/2022, 13:48
superdeath1978 ha scritto: 05/01/2022, 11:02 Grazie ad entrambi Mario e Tom, ma una domanda: non esiste una misurazione realistica tenendo conto dell'amplificatore collegato a dei diffusori "standard ?
Si potrebbe perfettamente misurare il brano musicale con cui si effettuano le prove di ascolto.
Basta trasformare il brano in "multitono" affinchè emergano le distorsioni armoniche e d'intermodulazione al variare della potenza erogata/richiesta.
Anche la distorsione di forma si potrebbe valutare, che se "densa" implica una certa durezza all'ascolto.
Servono un buon analizzatore di spettro e un buon oscilloscopio.
p.s solitamente con la distorsione integrale emerge benissimo la componente non lineare (distorsione) e lo fa in forma maggiore (grazie al basso fattore di cresta) per cui se con la distorsione integrale emergesse un determinato valore di distorsione, poi, tramite i brani musicali, il valore risulterebbe minore.
Perfetto grazie Tom
Marco Chiarini

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite