Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

ho questo problema...questa è la soluzione
DRC, equalizzazione attiva e passiva
Messaggio
Autore
Avatar utente
Flavio
Messaggi: 498
Iscritto il: 14/12/2016, 17:07
Contatta:

Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#1 Messaggio da Flavio » 03/11/2019, 14:54

Fabrizio Calabrese sostiene nel suo forum che la correzione ambientale digitale costringe ad ascoltare in un punto soltanto...

Immagine

Si sbaglia di grosso, per farla breve questa è l'immagine di un home theater con 10 poltrone tratta dal sito di JBL Synthesis (https://www.jblsynthesis.com/products/):

Immagine

mentre questo è il processore JBL Synthesis appena presentato da utilizzare in quel contesto e che utilizza Dirac Live®:

https://www.youtube.com/watch?time_cont ... GGexYCdcf8

Gran bell'apparecchio :)
Flavio
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
Bluenote
Messaggi: 887
Iscritto il: 04/12/2016, 17:15

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#2 Messaggio da Bluenote » 03/11/2019, 15:41

Stupendo sia il sintoampli che il processore puro.
Vedo che hanno un'interfaccia Dante. Immagino che Dirac si gestisca quindi tramite pc.
O anche direttamente dalla macchina ?
Gia' vedo uno dei due nella mia prossima sala HT/Hi-Fi. :mrgreen:
Ciao
Maurizio

Avatar utente
Flavio
Messaggi: 498
Iscritto il: 14/12/2016, 17:07
Contatta:

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#3 Messaggio da Flavio » 03/11/2019, 16:11

Ciao Maurizio,

no, non si gestisce Dirac dalla macchina... serve un PC o Mac mentre non so se ci sarà anche un'App come per i NAD ma non sono un fan di quella soluzione.
Devo dire che sono interessato anche all'up-mixer Logic 16, il precedente Logic 7 aveva un'ottima reputazione... e sostituire 16 cavi con uno solo con Dante è una figata
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
Bluenote
Messaggi: 887
Iscritto il: 04/12/2016, 17:15

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#4 Messaggio da Bluenote » 03/11/2019, 17:33

Ok, grazie Flavio.
Si, le interfacce Dante/Ravenna sono una gran bella cosa quando non si portano dietro dropouts o pops.
Ciao
Maurizio

otaner
Messaggi: 87
Iscritto il: 15/10/2019, 8:47

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#5 Messaggio da otaner » 08/11/2019, 14:01

Non che abbia grande esperienza ma ho ascoltato più volte macchine Merging (protocollo ravenna); mai sentiti rumorini, crepitii o altro.

Secondo me , se capita, è un problema di latenza troppo bassa e la cpu del processore non riesce a tenere il passo.

Avatar utente
Flavio
Messaggi: 498
Iscritto il: 14/12/2016, 17:07
Contatta:

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#6 Messaggio da Flavio » 24/11/2019, 15:22

Fabrizio Calabrese nel suo forum mi da del disonesto e conclude dicendo che: "è davvero spiacevole prendere atto che ci sono venditori disposti anche a sbeffeggiare l'intelligenza degli appassionati, pur di rifilar loro il "prodotto" da quattro spicci..."

Come noto per applicazioni home-theater è normalmente richiesta una area di ascolto più ampia di un singolo punto, ci si può chiedere perchè il "progettista stellare" non vada a spiegare ai costruttori che hanno adottato la tecnologia Dirac Live che si sono fatti infinocchiare da Dirac Research... per proporre invece le sue "stellari" soluzioni.

Per aiutarlo in questo, visto che ci legge, gli fornisco l'elenco in ordine alfabetico (altri si aggiungeranno a breve):

Arcam
AudioControl
Datasat
Emotiva
Focal
JBL
Lexicon
Monoprice
NAD
StormAudio
Theta Digital

Se quanto afferma fosse vero sarebbe per lui una splendida opportunità... se non fosse che, ammesso che riesca a farsi ricevere con le sue credenziali, lo prenderebbero più che meritatamente a pedate nel sedere :)

Flavio
Ultima modifica di Flavio il 24/11/2019, 15:43, modificato 1 volta in totale.
Warning: I miei posts possono essere di parte anche se in buona fede.. io lavoro per Dirac Research :-)

Avatar utente
Zapuan
Messaggi: 343
Iscritto il: 26/11/2016, 13:30

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#7 Messaggio da Zapuan » 24/11/2019, 15:34

Ciao Flavio,

Come ha giustamente scritto, riporto virgolettato, "abbiamo dimostrato - qui su questo forum"...

Ecco, nel resto del mondo, NON É COSI'. Punto.

Lasciarlo nel suo brodo è quanto di meglio si possa fare. Non c'è speranza, a lavar la testa all'asino...
Hakuna matata a tutti

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6445
Iscritto il: 24/11/2016, 12:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#8 Messaggio da MarioBon » 25/11/2019, 11:30

Vero. Dobbiamo però pensare anche a quanti leggono quelle "cose" e le prendono per buone.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

carlochiarelli
Messaggi: 541
Iscritto il: 04/08/2018, 11:14
Il mio Impianto: Autocostruito

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#9 Messaggio da carlochiarelli » 25/11/2019, 12:21

Ma pensa un po’ cosa scrive il palustre! Invece si dimostra che una drc monocanale non cambia l’area Di ascolto, mentre una drc multicanale ( ancora sperimentale in ambiente domestico ma funzionante in auto) l’area di ascolto ottimale si allarga (se si vuole). Diffidate dei tuttologi che rifiutano quello che non comprendono (un poco biblica...)

Avatar utente
Ligo
Messaggi: 464
Iscritto il: 26/11/2016, 7:12
Il mio Impianto: Laptop con Lubuntu e JRIVER23, Filtri DRC, Lector Digicode 2.24 HZ, Mutec MC3+ USB, Pre Bryston BP25, Finale PASS X150, Diffusori AUDES Blues MKII, Sub SVS SB1000, Cavetteria di buona qualità.
Località: Milano

Re: Condannati ad ascoltare in un punto soltanto?

#10 Messaggio da Ligo » 25/11/2019, 13:08

Chi avanza questa obiezione, perché l'ineffabile non è certo l'unico, dimentica di dire che al di fuori dello sweet spot anche senza correzioni c'è comunque una variazione importante dei livelli, delle riflessioni e, in generale, del suono. La stereofonia funziona così, non è che lui la può cambiare (o forse sì ... in peggio :mrgreen: ).
Io ho provato a misurare in un paio di punti a distanza dal punto di ascolto con e senza DRC e onestamente vedo un comportamento casuale in entrambe i casi, non c'è nessun parametro che mi faccia dire che una situazione sia preferibile all'altra.
Tra l'altro, entro certi limiti è possibile definire quanto si desidera che sia ampia l'area di miglioramento e credo che sia comunque più ampia di quella, comunque sub-ottimale, che si ottiene col solo posizionamento. Però non ho mai fatto verifiche per asserirlo con certezza.
Infine devo dire che di solito non ascolto musica mentre mi alleno alle parallele asimmetriche e se lo facessi probabilmente farei poco caso a come suona l'impianto. :D
In questo universo ogni oggetto ordinale o è una banana o non è una banana.

Ciao. Fabio

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite