Misura della distorsione dopo la Distorsione Integrale

Tecniche e strumenti di misura, test di varia natura
Messaggio
Autore
AndreaLanari
Messaggi: 2
Iscritto il: 27/12/2020, 1:29
Il mio Impianto: rotel ra-930, rogers ls1,yamaha p1600,yamaha ns10,technics 1200,lenco L75... ecc ecc

Re: Misura della distorsione dopo la Distorsione Integrale

#21 Messaggio da AndreaLanari »

buongiorno, stanotte mi sono iscritto al forum ma leggo ormai da diverso tempo i vari thread, vorrei da tempo dotarmi di un sistema di misura valido che mi consenta oltre alla misura THD anche di provare a misurare la Distorsione Integrale,(argomento che mi ha tenuto sveglio e che vorrei approfondire) navigando in rete mi sembra che il top (ad un prezzo accettabile) possa essere la Clio Pocket (comprensiva di microfono calibrato), il software consente di caricare volendo un file wav personalizzato per fare poi l'analisi spettrale, leggendo il manuale però non capisco se l'analizzatore integrato metta poi in evidenza la "parte nera" di rumore e distorsione che negli screenshot di Mario Bon risulta invece molto chiara e netta, inoltre rimane l'ostacolo del file multitono che pur capendone il principio di funzionamento non saprei come generarlo. volendo ho a disposizione anche schede audio professionali M-Audio e Motu Ultralite, mi mancherebbe comunque un buon microfono e un pre adeguato, pertanto pensavo alla Clio come soluzione completa.

Andrea Lanari

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6859
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Misura della distorsione dopo la Distorsione Integrale

#22 Messaggio da MarioBon »

La Clio Pocket è ottima. Appena ne avrò la possibilità (a gennaio) proverò una misura di distorsione integrale.
I file wave li genero con un programma che o scritto apposta ma dovrebbe essere possibile trovare in rete qualche cosa di utile (un editor per file wave).
Purtroppo ho questa mania di voler scrivere il software che uso e non conosco i software di uso comune se non per quello che leggo in questo forum.
Quello che si vede nel primo post di questo 3D è una misura di Distorsione Integrale Densa e per farlo serve un segnale particolare e anche un analizzatore di spettro particolare che metta in evidenza le componenti di distorsione. Non credo che sul mecato ci sia niente di simile.
La Distorsione Integrale è una misura più "facile" da implementare (che si fa anche con il sistema Klippel)
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Avatar utente
TomCapraro
Amministratore del forum
Messaggi: 7040
Iscritto il: 25/11/2016, 12:37
Località: Agrigento

Re: Misura della distorsione dopo la Distorsione Integrale

#23 Messaggio da TomCapraro »

AndreaLanari ha scritto: 27/12/2020, 14:33 buongiorno, stanotte mi sono iscritto al forum ma leggo ormai da diverso tempo i vari thread, vorrei da tempo dotarmi di un sistema di misura valido che mi consenta oltre alla misura THD anche di provare a misurare la Distorsione Integrale,(argomento che mi ha tenuto sveglio e che vorrei approfondire) navigando in rete mi sembra che il top (ad un prezzo accettabile) possa essere la Clio Pocket (comprensiva di microfono calibrato), il software consente di caricare volendo un file wav personalizzato per fare poi l'analisi spettrale, leggendo il manuale però non capisco se l'analizzatore integrato metta poi in evidenza la "parte nera" di rumore e distorsione che negli screenshot di Mario Bon risulta invece molto chiara e netta, inoltre rimane l'ostacolo del file multitono che pur capendone il principio di funzionamento non saprei come generarlo. volendo ho a disposizione anche schede audio professionali M-Audio e Motu Ultralite, mi mancherebbe comunque un buon microfono e un pre adeguato, pertanto pensavo alla Clio come soluzione completa.

Andrea Lanari
Il software REW (gratuito) utilizza un generatore di segnali nei quali fa parte anche il segnale multitono.
La generazione del segnale multitono in REW è settabile come frequenza di campionamento, profondità dei bit e numero di toni. (sia a bande di ottava che lineari)
saluti, Tom

AndreaLanari
Messaggi: 2
Iscritto il: 27/12/2020, 1:29
Il mio Impianto: rotel ra-930, rogers ls1,yamaha p1600,yamaha ns10,technics 1200,lenco L75... ecc ecc

Re: Misura della distorsione dopo la Distorsione Integrale

#24 Messaggio da AndreaLanari »

MarioBon ha scritto: 27/12/2020, 15:43 La Clio Pocket è ottima. Appena ne avrò la possibilità (a gennaio) proverò una misura di distorsione integrale.
I file wave li genero con un programma che o scritto apposta ma dovrebbe essere possibile trovare in rete qualche cosa di utile (un editor per file wave).
Purtroppo ho questa mania di voler scrivere il software che uso e non conosco i software di uso comune se non per quello che leggo in questo forum.
Quello che si vede nel primo post di questo 3D è una misura di Distorsione Integrale Densa e per farlo serve un segnale particolare e anche un analizzatore di spettro particolare che metta in evidenza le componenti di distorsione. Non credo che sul mecato ci sia niente di simile.
La Distorsione Integrale è una misura più "facile" da implementare (che si fa anche con il sistema Klippel)
grazie della rapida risposta, sono abbastanza pratico di editor audio, uso normalmente Sound Forge e altri software per registrazione multitraccia come Logic, pensavo di risolvere facendo in questo modo, (è un lavoraccio noioso ma si puo fare....) generare le tracce wav 24bit 48khz mono una per frequenza quindi una sinusoide per file di durata un minuto (ad esempio), poi importare le tracce cosi generate dentro a un editor multitraccia (Logic nel mio caso) un segnale sinusoidale ogni traccia, "mixarle" insieme tutte allo stesso volume ed esportare la traccia cosi generata. le sinusoidi pensavo di generarle partendo dal MI, 20,60Hz , FA 21,83.... ecc poi passare all'ottava superiore 43,65Hz, 46,25Hz... ecc il dubbio mi rimane per due aspetti che al momento mi sfuggono, le sinusoidi partirebbero tutte nello stesso istante e le frequenze sono "esattamente" (da un ottava all'altra) una il doppio della successiva, per il primo discorso, potrei risolvere facile, spostando temporalmente l'inizio di ogni sinusoide "manualmente" "a caso" di qualche secondo prima o dopo rispetto alla precedente, il mio dubbio è che ci possano essere degli annullamenti duvuti alla fase,ma non ne sono certo.
ad ogni modo come ha suggerito TomCapraro mi scarico REW e cerco di studiarmelo c'è, come suggerisce, un generatore multitono integrato che se è in grado di generare il file multitono mi eviterebbe il "lavorone" usando gli editor audio, chiaramente se pensate che possa essere utile il lavoro dei singoli segnali "mixati" con Logic posso mettermi di impegno e condividerlo,si possono dosare a piacimento i volumi in modo preciso
Andrea

Avatar utente
MarioBon
Amministratore del forum
Messaggi: 6859
Iscritto il: 24/11/2016, 13:13
Il mio Impianto: Opera/Unison - molto variabile
Località: Venezia
Contatta:

Re: Misura della distorsione dopo la Distorsione Integrale

#25 Messaggio da MarioBon »

ti conviene usare il segnale multitono di REW perchè le varie sinusoidi devo essere mixate con fase casuale.
Oltre a questo le frequenze delle sinusoidi non possono essere scelte come hai detto ma devono corrispondere a quelle il cui periodo è un multiplo esatto della durata di uno pseudo periodo del segnale . Se il segnale non è costruito nel modo esatto non è possibile vedere la distorsione.
Mario Bon http://www.mariobon.com
"Con delizia banchettiamo con coloro che volevano assoggettarci" (Adams Family)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite